PARAGUAY GIANNI INFANTINO TESTIMONE – La giustizia paraguaiana potrebbe chiamare il presidente della FIFA, Gianni Infantino, a testimoniare nel processo per diffamazione, calunnia e insulto nei confronti del giornalista Marcos Velázquez; citato in giudizio dal capo della Confederazione calcistica sudamericana (Conmebol), Alejandro Domínguez.

Secondo quanto raccolto in esclusiva da EuropaCalcio.it direttamente dal Paraguay, Velázquez è stato citato in giudizio, due volte, dal capo della Conmebol, Alejandro Domínguez; per presunti messaggi offensivi sul suo account Twitter.

Il giornalista mantiene sui suoi social una linea estremamente critica della leadership dei massimi vertici del calcio sudamericano. Velázquez, inoltre, ha realizzato numerose pubblicazioni per vari media sul caso FIFAGate e su presunte irregolarità che persisterebbero fino ad oggi sotto l’amministrazione Domínguez; in termini di contratti con società accusate di corruzione, gestione poco chiara dei fondi della matrice calcistica, tra le altre questioni che presumibilmente mancano di trasparenza.

LEGGI ANCHE: Chilavert minacciato di morte dopo l’accusa alla CONMEBOL. Ecco l’audio

“Abbiamo prove sufficienti per dimostrare che queste richieste di Domínguez non hanno motivo di esistere; e che, al contrario, è lui che deve chiarire molte questioni della sua amministrazione. Vorremmo sapere, ad esempio, quanto è stato incassato al botteghino e quanto ha ricevuto la Conmebol per quella controversa finale di Copa Libertadores tra River Plate e Boca Juniors; che si è giocata in Spagna nel 2018 affermando l’assurdità che in tutto il Sud America non c’erano garanzie; il che è assolutamente falso”, ha detto Velázquez.

PARAGUAY GIANNI INFANTINO TESTIMONE

La lista dei testimoni presentata da Velázquez è composta anche dagli argentini Raúl D’Onofrio, presidente del River Plate Club e Daniel Angelici, ex capo del Boca Juniors Club; compreso lo spagnolo Florentino Pérez, presidente del Real Madrid Club.

Tra gli altri, figurano anche i nomi dell’ex portiere del Velez Sarsfield e della nazionale dell’Albirroja, José Luis Félix Chilavert; nonché del presidente della Federcalcio paraguaiana (APF), Robert Harrison Paleari.

Velázquez è in possesso di una trentina di prove documentali, più di una dozzina di prove audiovisive (video) e 83 richieste di relazioni; che vanno da pagamenti fiscali, relazioni di fallimento, conti bancari, entrate e uscite, saldi sia di Conmebol a partire dall’APF; storia commerciale, immobiliare, tra gli altri.

Tra le prove, sono presenti i casi della tragedia dell’aereo LaMia con l’intera squadra del Chapecoense Club nel 2016; il presunto doping massiccio dei giocatori del River nel 2017 e principalmente il presunto riscossione dall’APF di una tangente di 1,5 milioni di dollari nell’era del FIFAGate; descritta in modo energico nell’accusa del procuratore nordamericano Loreta Lynch.

Articolo precedenteLazio tamponi rivalutati: tutti negativi tranne Strakosha
Articolo successivoReal Madrid, Zidane: “Inter? San Siro bellissimo, una finale”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui