Paola Mercurio è intervenuta ai microfoni di Europacalcio.it in questa intervista di Diego Marino per la rubrica Vip e Calcio, toccando vari argomenti.

D: Ciao Paola, sembra scontato ma ti chiedo cosa ne pensi di Gattuso, tu che ormai bazzichi nell’ambiente Napoli da una vita.

P: Gattuso è proprio quello che ci voleva, una persona grintosa e che possa sopratutto motivare i giovani. Inoltre adotta il 433 che può essere congeniale tatticamente alla rosa a disposizione.

D: Invece della breve parentesi Ancelottiana? se così possiamo definirla?

P: Ancelotti è un gran signore. Porta con sé un bagaglio di esperienza e trofei non da  poco. I suoi successi però sono arrivati anche grazie a squadre che gli hanno messo a disposizione grandi campioni. Napoli era un banco di prova, una squadra non di campioni ma di bravi giocatori. Ora al Napoli serve qualcuno che possa riallacciare i rapporti anche con la tifoseria. Gattuso può fare tutto ciò.

D: possiamo secondo te recuperare strada e competere ancora ad alti livelli?

P: Sono sicura che il Napoli possa rialzare la testa e che a partire dal 2020 possa scalare posizioni confidando nella ripresa dello spogliatoio e quindi anche di un ritorno di armonia. Sicuramente non possiamo ambire alla prima posizione ma sicuramente faremo meglio di ciò che è stato fatto finora.

D: Una domanda extra calcistica, Paola Mercurio come è iniziata questa tua avventura nel mondo delle trasmissioni sportive?

P: Per puro caso. Sono appassionata di calcio, ho molte conoscenze nell’ambiente ma tutto ebbe inizio quando sono stata ospite in una nota trasmissione sportiva come personaggio pubblico e da lì presentando e conducendo sono diventata una super esperta.

D: Quale periodo e trasmissione ricordi con maggiore interesse?

P: Tutte le ricordo con particolare interesse. Da Goal Show al teatro S. Nazzaro dove arrivavano molti fans con striscioni a me dedicati. Poi S. Paolo show che conducevo da sola e quindi una gran bella esperienza. Poi partenope TV con Goleada Azzurra, nata da un’idea del mio editore, ma con tanto di mio.

D: Ritornando al periodo buio del Napoli, un parere sui calciatori. Cosa ne pensi del disertare il ritiro e creare questo caos?

P: I calciatori hanno sbagliato a disertare il ritiro. L’hanno visto come una punizione, ma in quel momento doveva solo tentare di migliorare le cose. Colpa va anche a mister Ancelotti perché non può pubblicamente dire che il ritiro non lo accetta, anzi, doveva appoggiare la società.

D: Grazie a Paola Mercurio, dove ti possiamo vedere e soprattutto progetti futuri?

P: Non c’è un progetto particolare, conto di completare tutta la stagione calcistica in TV con i miei ospiti, con tanta competenza, sorriso e femminilità che non deve mai mancare. Io ce la metto veramente tutta e credo di riuscire a cavarmela benissimo in questo mondo particolarmente maschile. L’importante è tenere gli spettatori incollati alla TV quando ci sono io. Inoltre potete seguire il mio account Instagram qui.

Grazie mille a Paola Mercurio.

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo e dei media presenti è consentita previa citazione della fonte e dell’autore

Articolo precedenteVukusic Olimpija: “Ora sono felice, in futuro voglio tornare in Italia e far vedere chi sono!” – ESCLUSIVA EC
Articolo successivoMercato Milan Matic, il mediano serbo è l’obiettivo. E Todibo…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui