Solet, difensore del Salisburgo, sarebbe un concreto obiettivo anche dell’Inter, oltre che del Napoli: la scadenza contrattuale aiuta

Nuovo nome per la difesa dell’Inter, con la dirigenza nerazzurra che si sarebbe iscritta all’asta per Oumar Solet, difensore francese sbarcato nel Pianeta Redbull nel 2020, al Salisburgo, nota vetrina che mette in mostra grandi talenti a livello internazionale. Il classe 2000 non fa certo eccezione: forte fisicamente, in virtù di una stazza imponente (192cm), ma abile anche in impostazione, Solet potrebbe tornare in orbita Serie A dalla Galassia Redbull qualche mese dopo il primo interessamento del Napoli. La dirigenza nerazzurra ha già avuto modo di valutare da vicino la costante crescita tecnica del francese nel corso della gara d’andata del girone di Champions League, a San Siro. In quella di ritorno, invece, Solet ha assistito al match dalla tribuna a causa di un infortunio muscolare che ha parzialmente condizionato la stagione.

Centrale di sicuro affidamento e di grande duttilità tattica, Solet può disimpegnarsi, indistintamente, sia da centrale che da braccetto nella classica difesa a tre delineata da Simone Inzaghi. La grande novità rispetto alle cifre, abbastanza proibitive, che circolavano fino a qualche mese per sottrarre il calciatore dal controllo del Salisburgo, riguarda lo stallo individuato nel rinnovo contrattuale tra il francese e gli austriaci. Al momento, infatti, la trattativa per l’estensione dell’accordo scadente nel 2025 sarebbe tutt’altro che definita, con il concreto rischio, per il Salisburgo, di perdere il cartellino del calciatore a una cifra nettamente inferiore, stimata circa in 10 milioni di euro, rispetto quanto preventivato nella passata sessione estiva. Quello di Solet non sarebbe l’unico nome sulla lista nerazzurra ma, secondo quanto appreso da La Gazzetta dello Sport, la pista potrebbe scaldarsi entro la prossima finestra di mercato.

Oltre all’articolo: “Oumar Solet ancora in orbita Serie A: oltre al Napoli, anche l’Inter sul centrale”, leggi anche:

Articolo precedenteBologna, Motta: “Europa normale ossessione per altri, noi al massimo i rompi per aver portato concorrenza e novità”
Articolo successivoKvaratskhelia: “Mi manca la Georgia, Sul paragone con Maradona e l’Italia…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui