Noah Okafor, centravanti svizzero acquistato dal Milan in estate, ha rivelato un retroscena di mercato successivo ad un gol in Champions

Può essere definito l’uomo dell’attimo “non fuggente“: Noah Okafor, centravanti svizzero rilevato dal Milan in estate, ha scaraventato in rete quel tiro che è valsa la quinta gioia in questo campionato (a fronte dei pochi minuti concessi) e alcune ingiuste critiche nei suoi confronti. Quello del classe 2000 non può certamente essere catalogato quale acquisto fallimentare della campagna estiva rossonera: il gol all’ultimo respiro realizzato ieri all’Olimpico, contro la Lazio, ha fatto seguito a quello di Udine, altra rete decisiva negli ultimi istanti del match. Sono già sei i punti messi in cascina dal Diavolo nel corso della cosiddetta “zona Cesarini”, e tutti grazie alla velocità di esecuzione di un attaccante svizzero approdato a Milanello a luglio inoltrato, dopo un lungo periodo passato ai box per infortunio. Considerando le grandi qualità del ventiquattrenne, i 14 milioni di euro sborsati dal Milan restituiscono ulteriore credibilità ad un mercato estivo troppo spesso bistrattato.

Eppure, l’affare aveva rischiato di non decollare, non tanto per la mancata volontà del calciatore, quanto per la folta concorrenza pronta a sottoporre al Salisburgo, ex squadra di Okafor, offerte rivedute verso l’alto rispetto quelle previste dalla dirigenza rossonera. La conferma arriva direttamente dal match winner di ieri, ancora una volta decisivo grazie ad un guizzo finale che potrebbe spalancare le porte al Diavolo verso la qualificazione alla prossima edizione della Champions League. Ecco un estratto delle dichiarazioni del centravanti ai taccuini di Transfermarket:

Okafor, l’uomo degli ultimi istanti: “Mi volevano altri club, ma…”

“Avevo altre offerte importanti sul tavolo per lasciare il Salisburgo, ma avevo già scelto il Milan quale ulteriore step per compiere un grande passo in avanti nella mia carriera. La società mi aveva già contattato dopo una partita di Champions League tra Milan e Salisburgo, partita in cui segnai ai rossoneri. L’interessamento sfociò in una prima trattativa a gennaio 2023, ma non se ne fece nulla. Poi, si è concretizzato tutto in estate e sono felicissimo sia andata così. Sono rimasto subito affascinato dalla chiamata del Milan”, ha concluso Okafor.

Oltre all’articolo: “Okafor, l’uomo degli ultimi istanti: “Mi volevano altri club, ma…”, leggi anche:

Articolo precedente“Osimhen ha scelto il Chelsea”: la confessione di Obi Mikel
Articolo successivoLautaro punta quota 36 reti, il fratello di Higuain: “Grande, ma…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui