ODDO – Massimo Oddo è intervenuto su Sky Sport in occasione del format #CasaSkySport. Queste le sue risposte alle domande rivolte in particolare al suo passato da calciatore:

Il Milan mi ha permesso di vincere tutto, a parte il Mondiale ed una Coppa Italia con la Lazio. Sono stato probabilmente l’ultimo acquisto dell’era Cragnotti ed ero in una Lazio fortissima, giocatori incredibili e dopo un anno dove abbiamo rischiato di retrocedere, siamo arrivati in Champions League. Questa qualificazione la sento mia, avevo fatto sei gol e svariati assist ma più che i numeri conta di aver vissuto la grande Lazio”.

Un suo erede: “Mi piace Di Lorenzo, ottimo terzino“.

Il Milan di oggi:Situazione complicata, c’è stato più di un cambio generazionale, in più quando le cose cambiano in società, diventa tutto più difficile. Il feeling è mancato tra una parte di dirigenza che viene da un certo tipo di mentalità, quella inglese e quella italiana. Ci vuole un pò di pazienza e tempo“.

La Lazio di oggi:C’è da prendere esempio, non tanto per quello che sta facendo quest’anno ma per come ci è arrivata. E’ frutto di una vera programmazione, una società che probabilmente non ha il potenziale economico di altre squadre ma si è costruita da sola, all’inizio con giovani promesse e oggi campioni, oltre che con la scommessa di un allenatore giovane“.

Oddo rigorista:Quando non sei un attaccante, rigorista diventi un po’ per caso. Ho iniziato a Verona, poi è diventata una specialità“.

Il Pescara:Ovviamente sono legatissimo, sono un pescarese a tutti gli effetti. Per me è stato un orgoglio enorme allenarla ed essere riuscito a portarla in Serie A. Non credo alle minestre riscaldate, però nel calcio non si sa mai. E’ una società che va presa d’esempio“.

Il ruolo di allenatore e quello di calciatore:C’è differenza, da allenatore vivi le emozioni tutta la settimana. Non stacchi la spina, sei proiettato verso il calcio: l’essere giocatore ti aiuta a cercare di capire alcune dinamiche di spogliatoio, le problematiche e i momenti in generale”.

[df-subtitle]OLTRE A “ODDO…”, LEGGI, ANCHE, AD ESEMPIO:[/df-subtitle]

Articolo precedenteBologna, Di Vaio: “La mattina casalingo, di sera studio calcio. Bologna, Lazio, Parma e Montreal…”
Articolo successivoInnerskills Mental Coach, intervista ai co-fondatori Gatta e Polverelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui