Nuovo allenatore Udinese: l’addio di Cannavaro porterà il club a sondare piste estere per la panchina; anche Walem o Penas, tra gli altri

L’inaspettato ribaltone di Udine, con l’addio a Fabio Cannavaro, tecnico che è riuscito a salvare una squadra in grandissima difficoltà a una manciata di giornate dal termine della Serie A. Questo, in virtù della vittoria esterna centrata a Frosinone, in una sfida che ha poi retrocesso i ciociari in cadetteria, porterà il club a effettuare valutazioni a stretto giro di posta nella ricerca per il nuovo allenatore che dovrà condurre l’Udinese a solcare acque molto più tranquille nel corso della prossima stagione.

Stando a quanto riportato da Sportmediaset, le prime idee per la nuova guida tecnica porterebbero a due soluzioni estere, identificate in Johan Walem, ex conoscenza dei friulani in qualità di centrocampista e già, a suo tempo, tecnico delle giovanili e della Primavera. L’allenatore belga è, attualmente, sulla lista degli svincolati dopo l’esperienza a Cipro e convincerebbe per la reiterata conoscenza dell’ambiente e per rappresentare una sorta di “maestro di calcio” con il quale programmare il futuro.

In alternativa, la società bianconera avrebbe sondato la disponibilità Martinez Penas, ex tecnico degli spagnoli del Granada e dell’Olympiakos. I due allenatori si starebbero contendendo la panchina friulana dopo il saluto di Cannavaro, appunto, con l’ex difensore di Juventus e Inter, tra le altre, che non sarebbe stato assecondato sulle richieste di permanenza di alcuni elementi ritenuti fondamentali nel progetto bianconero.

Oltre all’articolo: “Nuovo allenatore Udinese, il ribaltone Cannavaro e le idee Walem e Penas”, leggi anche:

  1. Udinese, Pozzo autocritico: “Anno particolare, ho avuto paura, il progetto non era questo”
  2. Verona, Sogliano: “Ritorno grande soddisfazione, uniti nelle difficoltà. Baroni, Ngonge, il mercato belga e olandese…”
  3. Verona, Setti: “Senza rivoluzione nessuna salvezza, viviamo di plusvalenze”
  4. Ranieri: “Cagliari, chiuso un cerchio, forse una Nazionale in futuro. Atalanta meravigliosa”
Articolo precedenteRoma, occhi su Bellanova e non solo
Articolo successivoRoma, torna la suggestione Frattesi: quella percentuale giocherebbe a favore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui