Note dagli Inferi: la Roma batte il Milan nell’andata dei quarti di finale di Europa League; note positive e negative del match dei rossoneri

Quarti di finale di andata dell’Europa League 2023/2024: mentre l’Atalanta di Gasperini, altra italiana della competizione, annienta il Liverpool ad Anfield, il primo round dell’Euroderby tra Milan e Roma se lo aggiudicano i giallorossi per una rete a zero, in virtù dello stacco perentorio di Mancini sugli sviluppi di calcio d’angolo, al minuto 17. La squadra di De Rossi mostra il lato migliore di sé e dimostra di aver completamente cambiato faccia dall’avvicendamento che ha condotto l’ex numero 16 sulla panchina giallorossa.

Note dagli Inferi: cosa lascia in dote Milan-Roma di Europa League?

Male, invece, per larghi tratti del match, il Milan di Stefano Pioli, che sembra soffrire in maniera atavica certe tipologie di partite e scardinare determinate difese, con l’attacco rossonero che registra, Chukwueze a parte, la peggior prestazione dell’anno, probabilmente. Con Giroud fermo al palo, o meglio, alla traversa su grande azione personale del nigeriano, Leao sostituito a quindici minuti dalla fine e Loftus-Cheek imbrigliato dalla mediana giallorossa, la Roma di De Rossi si aggiudica i primi 90 minuti della contesa.

Milan-Roma: aspetti negativi

Inevitabile partire, in questo senso, da ciò che proprio non ha funzionato nei rossoneri, questa sera. Cambiano le partite, cambiano le competizioni, cambiano persino i turni eliminatori ma, per larghi tratti del match, il Milan sembra ripetere ciclicamente, nei momenti che contano davvero, le medesime prestazioni incolori. Dall’Euroderby della stracittadina di Milano di un anno fa, valida per le semifinali di Champions League, all’andata dei quarti di finale di Europa League in un altro Derby tutto italiano, contro la Roma, la sostanza non cambia. I rossoneri approcciano allo stesso modo un match, invece, da aggredire sin dai primi istanti: molli, superficiali, quasi impauriti dall’atteggiamento non remissivo degli avversari che, anzi, prendono coraggio e campo.

Il Diavolo sembra all’angolo già dopo quindici minuti, tanto che, proprio da un corner in favore della squadra di De Rossi, Mancini elude la marcatura di Loftus-Cheek insaccando la rete dello 0-1. Per il resto, la squadra rossonera sembra tutto fuorché organizzata in ambito offensivo, con azioni lasciate all’improvvisazione dei singoli e un Giroud costretto a combattere perennemente nella morsa di Smalling e dello stesso Mancini, che escono da San Siro facendo un figurone. La mossa di El Shaarawy largo a destra, poi, ha completamente chiuso il binario di sinistra, con Leao quasi impalpabile e Theo Hernandez libero si sgasare, per la prima volta, al minuto 84.

Note dagli Inferi: cosa lascia in dote Milan-Roma di Europa League?

I rossoneri, poi, dimostrano poca lucidità nelle scelte e nella qualità di palleggio, col solo Reijnders costretto a lunghe rincorse e tiri di fuori che sbattono, frequentemente, contro Svilar. La Roma, pur soffrendo nel finale del match e, probabilmente, graziata da un inspiegabile mancato fischio del francese Turpin su una mano di Abraham in piena area di rigore, gioca la propria partita, merita per larghi tratti del match e porta a casa una preziosa vittoria in vista del ritorno di giovedì prossimo.

Milan-Roma: aspetti positivi

Pochi, pochissimi, quasi inesistenti; un barlume di speranza riguarda la modifica apportata dal regolamento UEFA, nel corso della passata stagione, che non considera “doppio” il vantaggio della Roma. Da sottolineare l’ingresso in campo di Chukwueze, con il nigeriano che sta confermando l’ottimo stato di forma e i vari tentativi di Reijnders, ultimi a mollare in una squadra che ha il grande demerito di spegnere la spina troppe nel corso dello stesso match. Tavolta, di non accenderla minimamente nel corso dei minuti iniziali di partite che valgono un’intera stagione. All’Olimpico, dovrà essere tutta un’altra storia, per evitare di catalogare come fallimentare una stagione già avara di soddisfazioni.

Oltre all’articolo: “Note dagli Inferi: cosa lascia in dote Milan-Roma di Europa League?”, leggi anche:

  1. Attenta Inter, su Thuram ci sono gli occhi del PSG
  2. Lazio, per l’attacco idea Pohjanpalo del Venezia
  3. Gudmundsson, l’Inter plana sull’obiettivo tentando di inserire tre contropartite
  4. Calciomercato Osimhen: il futuro dell’attaccante tra Napoli e PSG
  5. Torino, per Buongiorno è sfida tra Inter, Milan e Napoli
  6. Bologna, arriva Santiago Castro: “Risultato del lavoro, sono felice”
  7. Lazio, Lotito: “Bernardeschi? Non c’è nulla”
  8. UFFICIALE: Gabriel Moscardo è un nuovo giocatore del Psg
  9. UFFICIALE: Pafundi al Losanna in prestito dall’Udinese
  10. Napoli-Zielinski, l’addio causa tensione tra le parti
  11. UFFICIALE: Doppio colpo per il Monza: ecco Zerbin e Popovic
  12. Manchester City, ufficiale l’arrivo del talento Echeverri
  13. UEFA, Boban si dimette: “Ceferin vuole modificare lo Statuto”
  14. Fiorentina, c’è la fila per Martinez Quarta: spunta anche il PSG
  15. Coppa del Re 2023/24: dopo il Real, fuori anche il Barcellona. Stasera l’Atletico

  16. Note dagli Inferi: cosa lascia in dote Milan-Roma di Europa League?

  17. Juventus, a volte ritornano; pronto il Morata 3.0: le cifre e i dettagli
  18. Futuro Gilardino, il Genoa pronto ad alzare il muro alle pretendenti: l’offerta
  19. Agente Immobile: “Ciro ha già espresso la sua volontà. Su Gilardino e il Genoa…”
  20. Milik, probabile l’addio alla Juventus: il bilancio pesa, i gol mancano
  21. Lorenzo Pellegrini a Betsson Sport: “La maglia della Roma è…”
  22. Euro 2024, tutto sull’Italia di Spalletti: partite, formazione tipo e possibili convocati
Articolo precedenteLiverpool-Atalanta 0-3, Gasperini: “Molto felici”. Scamacca: “Notte fantastica ma non basta”
Articolo successivoLazio, entro un mese la decisione di Kamada

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui