Nicola intervista Genoa Juventus: “Stasera ho visto un’intensità diversa”

Nicola intervista Genoa Juventus: “Stasera ho visto un’intensità diversa”

NICOLA INTERVISTA GENOA JUVENTUS Perde tre a uno al Ferraris il Grifone contro la Vecchia Signora. Quattro reti, tutte nella riprese e di pregevole fattura. Ora la classifica per il Genoa preoccupa ma Nicola non fa drammi come riporta SkySport.

No, perché quando sono arrivato io…più paura di quella non c’è nulla. Credo che questa squadra abbia conquistato, grazie al lavoro e dopo circa un mese, la capacità di poter stare sul campo in un certo modo; e con una certa intensità di gioco.

Dopo il lockdown è chiaro che queste cose vadano riprese; non si perde la capacità a giocare a calcio ma le distanze, le letture, le uscite nei tempi giusti; e magari fai qualche corsa a vuoto, magari lo paghi. Stasera ho iniziato a vedere una squadra con un’intensità diversa. Non c’è delusione ma consapevolezza del fatto che uno stop così lungo non vale solo per noi, ma anche per altre squadre; e toglie convinzione di movimento, velocità, precisione, sincronia. Tutte cose che vanno ritrovate in campo con allenamenti, lavoro e partite”

NICOLA INTERVISTA GENOA JUVENTUS

Il tecnico ha poi analizzato la gara.

“Stasera non sono insoddisfatto della prestazione. La prima contro il Parma non mi aveva soddisfatto per atteggiamento, distanza fra i reparti e mentalità. Oggi per intensità e capacità delle letture ho visto invece un miglioramento; la partita era stata preparata con il baricentro basso per levargli spazio alle spalle e magari poterlo alzare successivamente. Riconosco che ci sono state giocate da parte loro di qualità; ma la Juve non subiva un gol da oltre 500′. Negli ultimi 15′ abbiamo accettato anche l’uno contro uno; e stiamo ritrovando quelli che sono i nostri movimenti e l’intensità in uscita”. 

NICOLA INTERVISTA GENOA JUVENTUS Poi ancora sulla partita il mister del Grifone ha aggiunto.

“Sono d’accordo sul fatto che nei primi 20′ del secondo tempo non siamo stati così precisi come per tutto il primo tempo; anche se la Juve ha aumentato la mole di gioco, ma abbiamo subito tre gol per abilità individuali degli avversari; cosa che va rispettata e accettata. Nel finale abbiamo alzato il baricentro, accettato rischi e cercato di proporre gioco; guarda caso segnando e creando altri presupposti per azioni da gol. Vedo movimenti e intensità nell’attacco al retro-passaggio, ma è normale contro la Juventus dover alternare il baricentro”. 

Infine un’analisi sulla prestazione di Pinamonti, al secondo centro di fila.

“Andrea sta completando un processo di maturazione; nelle ultime due partite ha avuto continuità nel gioco di squadra e nella possibilità di sfruttare la mole di gioco che ha creato la squadra. Non è un imbarazzo avere tanti attaccanti, ma una risorsa.

Iago Falque ad esempio non giocava da aprile dello scorso anno; in due partite è riuscito ad essere utile. Pandev è un giocatore straordinario che con me ha sempre trovato spazio e continuità; ma giocando ogni 3 giorni ci sono tante situazioni da leggere e gestire, come ammonizioni. Sono convinto che questa sia la strada che ha ripreso il Genoa, quella con ritmo e intensità”.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply