spot_img
HomeSerieANapoliNapoli, Simeone: "Avevo altre offerte, ma volevo solo venire qua"

Napoli, Simeone: “Avevo altre offerte, ma volevo solo venire qua”

-

NAPOLI SIMEONE – Giornata di presentazioni in casa Napoli: il nuovo attaccante Giovanni Simeone ha rilasciato le sue prime dichiarazioni in conferenza stampa. Il Cholito ha spiegato con grande entusiasmo i motivi della sua scelta di trasferirsi in azzurro.

NAPOLI, SIMEONE: “AVEVO ALTRE OFFERTE, MA VOLEVO SOLO VENIRE QUA”

Un altro argentino a Napoli: “E’ un onore, una bella responsabilità. Ci sono stati tanti argentini e sono molto contento di essere venuto a Napoli dopo di loro. Ho sempre voluto una piazza come questa, ancor più per la storia che la lega al nostro paese. Per me, è una cosa unica. Vivrò ogni giorno con la passione di voler dimostrare sempre come sono fatti gli argentini.”

Su un eventuale incontro con Papà Diego in Champions: “Non è importante pensare a chi affrontare, perché in coppa tutte le squadre sono forti. Dobbiamo pensare ad una partita alla volta, a quella di domenica. Possiamo conquistare tre punti importanti per il campionato, contro la Fiorentina.”

Sulla maturità: “Penso di averla raggiunta. La mia forza è la capacità di rialzarmi sempre nei momenti difficili. Sono cresciuto, e per me, questo è molto importante. In campo trasmetto chi sono, voglio far vedere a tutti chi sono.”

Sul famoso Fiorentina-Napoli che costò lo Scudetto agli azzurri di Sarri: “Ho sempre dato tutto, nella mia vita: l’ho fatto al Genoa, alla Fiorentina, al Cagliari ed anche al Verona. Continuerò a dare tutto per il Napoli, lottando per i miei compagni. Sarò pronto in ogni momento”.

Sulla scelta del Napoli: “Avevo molte possibilità e potevo scegliere, ma avevo solo una cosa in mente: venire qua. Altre squadre mi hanno fatto offerte importanti, ma il Napoli era il mio solo obiettivo. So che farò bene qua, perché sono convinto. Potrò migliorare. Essere a Napoli è una cosa unica”.

Prosegue: Papà è molto contento della mia scelta, mi ha fatto commuovere scrivendomi che in Argentina, da piccoli, tutti guardavano il Napoli di Maradona e sognavano di vestire questa maglia”.

Sul giocare insieme ad Osimhen: “Bisogna chiederlo al mister. Io cercherò di mettermi a disposizione, che sia con Victor o da punta unica. Spetterà a Spalletti scegliere il meglio per la squadra.”

Sulla forza della squadra: “Ha giocatori molto bravi. Un aggettivo per questa squadra? E’ una squadra di qualità, mettiamola così. Spalletti importante per la mia scelta? Volevo solo venire qui, non avevo altri interessi”.

Sulla Nazionale: “Ci posso arrivare se faccio bene a Napoli, ma ora non ci penso.”

Sul primo gol al Maradona: Segnare con questa maglia è una delle cose che voglio di più, ma sono appena arrivato e devo adattarmi. Sarò pronto quando potrò giocare. Il mio obiettivo personale è quello di essere sempre a disposizione della squadra, in qualsiasi momento. Sono pronto e lo sarò per tutto l’anno”.

Sulla Champions: E’ il mio sogno sin da bambino, l’ho anche tatuato sulla pelle. Per me, essere in una squadra che disputa le competizioni principali è molto importante. Voglio sempre di più ed essere qui è il massimo. Voglio vincere e, a Napoli, posso fare un grande salto di qualità”.

Sui tifosi: Mi piace la tifoseria ‘calda’ e, ogni volta che venivo al Maradona da avversario, c’era questa paura, questa sensazione di essere quasi mangiato… Ecco, voglio che gli avversari provino questo conto di noi. A Napoli, poi, c’è il mare: io amo il mare. Qui mi sento in Argentina, come a casa. Ora, devo solo imparare il napoletano”.

 

LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Lotito contestazione Lazio

Lazio, Lotito minimizza sulla contestazione dei tifosi: “Sono i soliti…”

0
Claudio Lotito, Presidente della Lazio, ha espresso un commento sulla contestazione indetta da alcuni sostenitori del club nei suoi confronti Foto di Stefano D'Offizi Una questione...