[df-subtitle]Koulibaly: “Ancelotti mi ha chiamato nei giorni scorsi, abbiamo parlato, mi ha detto di fare un bel Mondiale, e che poi ci saremmo risentiti”[/df-subtitle]

Direttamente dalla Russia, dove al momento è impegnato con il suo Senegal, Kalidou Koulibaly ha rilasciato un’interessante intervista a uno degli inviati de “La Gazzetta dello Sport“, riguardo il Mondiale che sta disputando e Carlo Ancelotti, nuovo tecnico del Napoli.

Alla prima partita, la Nazionale ha battuto per 2-0 la Polonia, dove giocano Milik e Zielinski, compagni di squadra nel Napoli del difensore.

Così Koulibaly: “Vogliamo arrivare il più in alto possibile in questi Mondiali, speriamo. Tutti ci ricordano la generazione del 2002, ma sono passati 16 anni, il calcio è cambiato. Ora tocca a noi fare la storia, sapendo che oggi la cosa più importante è non prendere gol. Saremo un gruppo compatto, con armi per fare male dava“.

Di seguito: “Ancelotti? Mi ha chiamato nei giorni scorsi, abbiamo parlato, mi ha detto di fare un bel Mondiale, e che poi ci saremmo risentiti. Siamo dispiaciuti che Sarri sia andato via. I tifosi del Chelsea possono aspettarsi un grande calcio, perché è un ottimo allenatore. Ma noi abbiamo preso un grande, con cui confidiamo di poter vincere. E spero che il Chelsea vinca con Sarri“.

Continua: “Il mio legame col Napoli ancora forte? Sugli spalti dello Spartak c’era mio figlio con la maglietta azzurra“.

Articolo precedenteInter, il nuovo obiettivo è Suso
Articolo successivoEmre Can pronto per la Juventus

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui