spot_img
HomeSerieANapoliNapoli intervista Boniek: "Zielinski come De Bruyne. Su Milik..."

Napoli intervista Boniek: “Zielinski come De Bruyne. Su Milik…”

-

NAPOLI INTERVISTA BONIEK – Il presidente della federcalcio polacca Zibì Boniek ha rilasciato un’intervista ai microfoni di Radio Kiss Kiss. L’ex giocatore di Roma Juventus ha parlato soprattutto dei suoi connazionali che vestono la maglia azzurra, Zielinski Milik. Il primo, in particolare, ha ricevuto degli elogi speciali da parte di Boniek. Queste le sue parole:

Zielinski è un giocatore di pura tecnica. Si smarca con un tocco, è imprevedibile. Diventare papà lo aiuterà a diventare più uomo ed esperto. Ha ancora margini di miglioramento. Se segnasse di più potrebbe diventare anche più forte di De Bruyne. Piotr può segnare in qualsiasi modo ed è anche un assistman. E’ straordinario e deve rendere da calciatore straordinario.

NAPOLI INTERVISTA BONIEK – Sulla situazione Milik, invece, Boniek parla anche in ottica Europeo, che l’attaccante del Napoli rischia di dover guardare da casa. A tal proposito, Boniek dice:

“Se resta a Napoli anche dopo il mercato di gennaio credo sia normale non possa partecipare agli Europei con la Polonia. Situazione che mi sorprende e capisco il Napoli, che ha aiutato molto il giocatore. I procuratori potevano comportarsi meglio. Quella di Milik è una situazione che mi fa rabbia. Se fossi stato io uno dei suoi procuratori mi sarei comportato in maniera diversa, senza arrivare a questo punto.”

Infine un parere sul nostro Campionato e sui suoi possibili protagonisti nelle posizioni più alte: “Le milanesi insieme a JuveRoma e Napoli hanno più chances di giocarsi Champions e Scudetto“.

 

OLTRE A “NAPOLI INTERVISTA…” LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

PSG Donnarumma: “Era scritto che sarei venuto qui, con Keylor Navas…”

0
PSG DONNARUMMA - Intervistato da "France Football", Gigio Donnarumma torna sul suo approdo a Parigi, avvenuto a luglio dopo sei anni nella prima squadra...