spot_img
HomeSerieANapoliNapoli, Hysaj: "La vittoria col Liverpool ci ha dato consapevolezza, il campionato...

Napoli, Hysaj: “La vittoria col Liverpool ci ha dato consapevolezza, il campionato è ancora aperto”

-

[df-subtitle]Hysaj: “Ancelotti è un grandissimo allenatore, ma soprattutto riesce ad integrarsi al meglio con tutti i giocatori”[/df-subtitle]

Intervenuto a “Radio Kiss Kiss“, Elseid Haysaj ha suonato la carica in vista delle prossime partite del Napoli, a partire dalla sfida di sabato sera in casa dell’Udinese.

Così il terzino albanese: “L’Udinese viene da tre sconfitte, sarà ancor più concentrata. Noi scenderemo però in campo per vincere e stiamo bene. Siamo tutti professionisti, siamo abituati a gestire tanti impegni ravvicinati. Il mister sa gestire benissimo queste situazioni. Le vittorie con Liverpool e Sassuolo sono state importanti sia per i punti, ma anche per il morale. Arrivavamo dalla sconfitta con la Juventus“.

Prosegue: “La vittoria con il Liverpool ci ha dato consapevolezza, sappiamo che siamo forti. Abbiamo vinto con il Liverpool, possiamo battere chiunque, anche il Real Madrid. Quando marco Ronaldo lui non fa mai gol? Vero, ma ha fatto assist nell’ultima partita e non va bene uguale. La forza del PSG? Non ci dobbiamo pensare, altrimenti possiamo tremare come bambini. Anche loro devono pensare che affrontare una difesa come la nostra, che ha annichilito il Liverpool, non deve essere facile“.

Su Insigne: “È un bravissimo ragazzo, ma è sopratutto un giocatore eccezionale. Ha tecnica, intuizione, tutto per essere un grande giocatore. Il mister ha fatto bene ad avvicinarlo alla porta. Ancelotti ha dimostrato di saper gestire al meglio il gruppo, facendo giocare anche chi veniva impiegato meno e senza calare nel rendimento. Non essere sicuri del posto da titolare aumenta la competitività della squadra. Una o due partite non cambia la mentalità di un calciatore, se non giochi di certo non smetti di allenarti, anzi“.

Su Ancelotti: “E’ un allenatore che ha sempre vinto, speriamo che continui a farlo. Lavorare con lui è bellissimo, ha allenato i più grandi. E’ prima di tutto una bravissima persona, sa anche scherzare. Ha un qualcosa di speciale ed è stato bravo ad entrare subito nel cuore di tutti. Con lui stiamo crescendo tantissimo, sto imparando cose nuove dopo i tanti anni vissuti con Sarri“.

Di seguito: “Malcuit? Davvero forte, mi piace confrontarmi con lui. Verdi? Lo conoscevo perché ci avevo giocato ad Empoli, diventerà un giocatore devastante“.

Infine: “Mai un gol in Serie A? Ci sto provando, speriamo arrivi presto. Lo dedicherei a mio figlio. La mia famiglia? Sono venuto dal niente, mio padre aveva una ditta. I sacrifici porta dei risultati inattendibili, ho giocato la Champions League e con la nazionale. Per me è un orgoglio portare il mio nome dietro la maglietta“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Milan, ufficiale: Hauge è dell’ Eintracht Francoforte. Ecco le cifre

0
Milan, ufficiale - La notizia era nell' aria già da molto tempo e, nelle ultimissime ore, è arrivata l'ufficialità: Jens Petter Hauge è un nuovo...