MURIQI A RELEVO – In una lunga intervista rilasciata al portale spagnolo “Relevo“, Vedat Muriqi ripercorre questa sua grande stagione che sta vivendo tra le fila del Maiorca.

Così l’attaccante kosovaro ex Lazio: “Quando ero in Italia ho passato momenti difficili. in Turchia le cose stavano andando bene, poi ho ricevuto la chiamata della Lazio e non ero sicuro di prendere quella decisione. In Turchia la gente mi amava e segnavo tanti gol. Ma dovevo provare quell’esperienza. La Lazio è uno dei migliori club in Italia e all’epoca era anche in Champions League. Ho deciso di partire, ma mi sono infortunato e le cose non sono partite bene. Sono tornato e ho segnato due gol, ma non mi hanno dato la possibilità di giocare. Quando stavo male giocavo anche 45 minuti, quando stavo bene non mi davano la possibilità di giocare. Sono stati due anni molto difficili“.

MURIQI A RELEVO

MURIQI A RELEVO – Prosegue: “In quei due anni ho parlato molto con mia moglie che è più forte di me. Mi ha detto che dovevo essere forte, che dovevo essere pronto a cogliere l’opportunità. Dopo l’allenamento ho iniziato a lavorare con un preparatore atletico e in due mesi ho recuperato la forma. Anche quella mentale. Stavo solo aspettando il mio momento, che però non arrivava mai. Ci sono stati giorni in cui stavo bene e pensavo che sarei tornato presto al top come al Fenerbahce. Poi mi sono sentito una merda. Pensavo che il calcio fosse finito per me. Ero molto negativo e critico con me stesso. Poi la scelta di andare al Maiorca ha cambiato la mia vita. Non mi aspettavo di diventare un idolo qui ma fin dall’inizio ho sentito un grande affetto intorno a me. Venivo da un anno e mezzo complicato e il Maiorca aveva bisogno dei miei gol. Quando abbiamo iniziato a trattare per un contratto lungo, ho notato subito il supporto dei tifosi e questo mi ha sorpreso“.

Infine sul futuro: “Non so qual è la clausola rescissoria. Quando sono arrivato non ho parlato di denaro, hanno fatto tutto i miei procuratori. Non lo so se ho una clausola, ma anche se dovessero pagare non me ne voglio andare. Se qualcuno mi vuole deve parlare con Ortiz perché io rimango qui“.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedenteInter-Bologna, Inzaghi: “Scontri diretti penalizzano la nostra classifica, solo Napoli è continuo”
Articolo successivoMercato Cremonese Carnesecchi, gli occhi delle big sul portiere grigiorosso

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui