Montella si racconta – Vincenzo Montella ex giocatore ed allenatore della Roma, è tornato a parlare dopo un anno e mezzo e lo ha fatto rilasciando una lunga intervista ai microfoni de “Il Corriere Dello Sport“. Dalle sue parole si sono evinti due concetti in particolare, ovvero la voglia di tornare ad allenare e che quello con il club giallorosso è stato e sarà per sempre un legame indissolubile.

Queste le sue parole:

Arriverà presto, l’occasione. Montella, com’è possibile che sia ancora senza squadra?

«Sono fasi che capitano in una carriera. Probabilmente il problema del Covid ha infl uito. Ma adesso che la stagione sta fi nendo mi è venuta la voglia di ricominciare da capo. Aspetto un nuovo percorso». […]

[…] La Roma, parole sue, è «un percorso incompiuto».

«Due volte. Nel primo caso speravo di rimanere come allenatore e non è stato possibile. Peccato, mi sarebbe piaciuto impostare un progetto dall’inizio. Nel secondo hanno scelto un altro (Zeman), dopo vari sondaggi. Ci lasciammo male perché ci avevo creduto. Sì, nel 2012 mi sentivo l’allenatore della Roma».

Montella si racconta – Si raccontò di una brutta litigata con Franco Baldini.

«Ci furono delle divergenze. Niente di grave, anzi con Franco mi sento ancora. E stimo Sabatini. Sinceramente non ricordo di averli cacciati di casa come si è detto. A distanza di anni comunque ho capito: mi volevano bloccare per evitare che prendessi altre strade, come spesso capita ai dirigenti, e intanto sondavano diversi allenatori. Purtroppo io rimasi con il cerino in mano ma nel calcio succede. E per fortuna mi chiamò subito la Fiorentina, dove facemmo cose straordinarie».

Tornerà alla Roma?

«Ammetto che la Roma è una sorta di punto debole. E’ parte di me. Qui ho giocato, vinto, allenato. Magari non è troppo tardi per riprovarci. Ranieri a quanti anni ha realizzato il sogno di allenarla?»

Era il 2009, ne aveva 58.

«Ecco, a me resta una decina d’anni per sperare… Ma la prego anche qua, sottolinei che non mi sto proponendo. Lo preciso per due motivi: uno perché Fonseca sta lavorando bene, si è adattato al calcio italiano facendo valere le sue idee, almeno quando la squadra era al completo; due perché se qualcuno avesse avuto il dubbio di telefonarmi, con questa intervista se lo toglierebbe».

Perché gli allenatori alla Roma durano poco?

«Fonseca ha resistito già due anni, che non sono pochi. Credo però che nella Roma si avverta il peso delle vittorie che non arrivano. Le aspettative sono alte, si vorrebbe vincere subito».

Articolo precedenteKean si confessa: “ritorno alla Juventus? Non so, lasciarla mi è dispiaciuto”
Articolo successivoVerona, Juric: “Inter forte. Conte il migliore insieme a Gasp, non una sorpresa”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui