[df-subtitle]Una perla su punizione del terzino giallorosso decide il match. Bene anche il laziale Milinkovic Savic[/df-subtitle]Parte bene il Mondiale della Serbia che nel match d’esordio batte di misura il Costa Rica balzando momentaneamente in testa al girone E, in attesa della sfida serale tra Brasile e Svizzera.

Inizo di match subito frizzante, con due ottime occasioni per il Costa Rica, capitate entrambe sulla testa di Gonzalez; il difensore del Bologna al 3′ centra il portiere, mentre al 12′, lasciato solo in area, manda clamorosamente alto.

La Serbia col passare dei minuti prende campo, schiacciando gli avversari. Al 27′ è Milinkovic Savic a suonare la carica, con un diagonale da ottima posizione bloccato però da Navas. I serbi fanno girare la sfera per trovare varchi nella linea difensiva del Costa Rica, che però tiene bene le posizioni. Occasioni degne di nota non se ne registrano più e si va al riposo sullo 0-0.

Nella ripresa inizio veemente della Serbia che al 50′ ha la grande occasione di passare ma Mitrovic, a tu per tu con Navas, si fa ipnotizzare dall’estremo difensore del Real Madrid. A sbloccare la contesa allora ci pensa Kolarov, con la specialità della casa; è il 56′ quando il terzino della Roma disegna una fantastica parabola su un calcio di punizione dai 20 metri che si spegne alle spalle dell’incolpevole Navas. (Qui il gol di Kolarov)

Forte del vantaggio la squadra di Krstajic decidere di attendere i costaricensi e sfruttare gli spazi, come al 76′ quando Tadic va via sulla destra, mette al centro, Navas manca il pallone, ma Kostic lo grazia ciccando la sfera. All’86’ si rivede Milinkovic Savic, che dopo un grande assolo, lancia per Mitrovic, ma l’attaccante si inceppa sul più bello.

Al 90′ altra magia del gigante della Lazio, sombrero ad un avversario e palla per Kostic che calcia alto. Finale di gara incandescente con un accenno di rissa tra Matic e la panchina avversaria che si risolve con un nulla di fatto. Si arriva cosi all’ ottavo minuto di recupero quando l’arbitro decreta la fine delle ostilità.

Articolo precedenteMercato, testa a testa tra Fiorentina e Atalanta per Soucek
Articolo successivoNapoli, accelerata per Fabian Ruiz

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui