spot_img
HomeSerieANapoliMomento negativo Napoli: statistiche in ribasso dopo 8 stagioni. L'analisi

Momento negativo Napoli: statistiche in ribasso dopo 8 stagioni. L’analisi

-

MOMENTO NEGATIVO NAPOLI – Checché se ne dica, il Napoli sta vivendo uno dei suoi peggiori inizi di campionato dal 2011. Nonostante il primo posto nel girone di Champions e con la qualificazione (quasi) in tasca, gli azzurri non riescono ad ingranare la marcia giusta in campionato.

Era dal 2011-12 che il Napoli non raccoglieva “solamente” 18 punti, ma la distanza dal Milan capolista era di sole 5 lunghezze; altro dato negativo è la difesa, ben 15 reti subite in 11 giornate (nel 2009 erano 18).

PORTIERE – Nonostante il numero di reti incassate, il miglior reparto azzurro, al momento, è rappresentato dall’estremo difensore. Rispetto all’anno scorso, in cui c’era una rotazione maggiore, Ancelotti sta confermando Meret tra i pali, il quale gli sta dando i frutti sperati.

Dimenticata la papera contro l’Atalanta, Alex ha risposto presente all’Olimpico con il rigore neutralizzato a Kolarov e altre parate importanti che, però, non hanno scongiurato la sconfitta.

Ospina continua a fargli da “chioccia”, ma il Meret che stiamo ammirando potrebbe diventare davvero uno dei migliori portieri europei in circolazione.

DIFESA – La verità è una sola: Koulibaly senza Albiol non è più Koulibaly. Non è la scusa della Coppa d’Africa, ma il difensore senegalese non è quello visto nella passata stagione, in cui è riuscito a conquistare il titolo di miglior difensore della Serie A. Inutile negarlo che Albiol dettava i tempi, dava sicurezza al reparto e soprattutto portava palla in fase di impostazione.

Tutto questo, purtroppo, non è nelle corde di Manolas, bravo sicuramente nell’uno contro uno e nel gioco aereo, ma sicuramente meno in fase di ritmi e di impostazione. Luperto e Maksimovic utili nel turnover con prestazioni a volte convincenti e a volte al di sotto della media.

Sugli esterni, invece, l’unico a confermare un trend positivo è solo Di Lorenzo i cui presagi, ad inizio stagione, sono stati confermati con un inizio abbastanza positivo; ma sicuramente l’ex Empoli non ha ancora dimostrato tutto il suo repertorio. Con Malcuit ai box per infortunio, dovrà portare avanti la carretta per tanto tempo; anche perché Hysaj vuole lasciare Napoli al più presto.

Sull’out sinistro il solo Mario Rui non può sgroppare su e giù per tutta la stagione; il terzino portoghese conferma la sua bontà quando bisogna ripartire, ma in fase passiva ha mostrato tutti i suoi limiti.

Ghoulam? Cos’ha? Non si sa. Ancelotti dice che non è ancora pronto, c’è chi afferma che non si alleni come dovrebbe e quindi è continuamente fuori dall’11 titolare. Sicuramente recuperare da due infortuni consecutivi è cosa difficile; il problema del difensore algerino è di tipo psicologico?

CENTROCAMPO – Senza Rog e Diawara il Napoli ha perso molta “garra” in mezzo al campo. Il solo Allan – che non è il solito Allan – non può far gli straordinari e, quando manca, l’assenza si nota.

Elmas dovrebbe essere il suo sostituto naturale, ma spesse volte Ancelotti spinge sulla coppia Fabian-Zielinski, i quali si calpestano i piedi continuamente.

Il centrocampista spagnolo potrebbe rappresentare il valore aggiunto della cosiddetta “spina dorsale”, ma le sue qualità assolute si sono notate a sprazzi. Nessuno mette in dubbio la sua etichetta di crack, ma per dettare i tempi in mediana ci vuole una dose equilibrata di garra e toque che in questo momento Fabian non riesce a garantire.

Zielinski cosa vuole fare? Al momento è un calciatore ibrido, né carne e né pesce; alterna buone giocate a momenti completamente avulsi dal gioco. E’ un centrocampista centrale o un trequartista? Un esterno di centrocampo o un interdittore? Ad Ancelotti l’ardua sentenza.

ATTACCO – La nota dolente. Vogliamo bene a Mertens, ma dopo la gara col Salisburgo è parso l’ombra di se stesso. Così come Callejon, assieme al Belga sono gli unici due su cui ogni allenatore può contare, ma stranamente anche Josè Maria, da un paio di partite a questa parte, si è limitato al compitino. Forse il mancato rinnovo di contratto – al momento – turba i loro pensieri?

Milik sembra essere tornato l’attaccante visto con la maglia dell’Ajax. Stesso discorso fatto per Ghoulam, recuperare da due infortuni a due ginocchia diverse è sicuramente difficile, ma Arkadiusz sta dimostrando che il duro lavoro ed il fattore psicologico, che sembra essere in crescendo, possono aiutare a riprendersi l’autostima necessaria per dimostrare il proprio valore in campo.

Llorente è stato preso per far rifiatare i titolari in attacco, ma dopo un inizio importante è calato anch’egli al pari del momento negativo del Napoli.

E Lozano? Mister 42 milioni ha paura di se stesso? Il gol contro la Juventus ha regalato tante aspettative che, al momento, non è riuscito a mantenere. Forse la posizione in campo non consona al suo modo di giocare starebbe influendo negativamente sul rendimento dell’attaccante messicano; ti stiamo aspettando!

MOMENTO NEGATIVO NAPOLI – Vista dall’esterno, questa rosa sembrerebbe costruita per giocare con un 4-3-3 o un 4-2-3-1, quest’ultimo subito bocciato da Ancelotti; che, da buon sacchiano, continua ad insistere in un 4-4-2 mascherato, che in fase attiva diventa un 4-2-4 ma momentaneamente senza licenza di uccidere.

Il Napoli visto all’Olimpico è parso passivo in alcune situazioni, soprattutto di non possesso palla; il classico equilibrio tra i reparti sta mancando ed il “palla lunga e pedalare” non è assolutamente nelle corde degli uomini di Ancelotti. Che sono abituati ad un calcio in verticale e ad un possesso palla estenuante…

Cristiano Abbruzzesehttps://www.europacalcio.it
Giornalista pubblicista dal luglio 2012, è il direttore di EuropaCalcio.it.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Aston Villa su Bentancur: può favorire l’operazione Vlahovic-Juve

0
ASTON VILLA SU BENTANCUR - Da alcuni giorni si parla di un possibile decisivo affondo della Juve per Dusan Vlahovic già per il mese...