[df-subtitle]L’ex Pallone d’Oro 2007 ha parlato del suo possibile ritorno al Milan come dirigente e ha rivelato un rimpanto della sua carriera da calciatore[/df-subtitle]

Il Milan e Ricardo Kakà: un amore destinato a non finire mai. Un amore che continua a scaldare il cuore dell’ex numero 22 rossonero che ha sempre parole d’affetto quando si parla del Diavolo. In un’intervista concessa a Mediotempo, giornale messicano, il brasiliano ha parlato di ciò che sta facendo in questo momento, del suo futuro e anche di un particolare rimpianto per quanto riguarda la sua carriera da calciatore.

Ecco le sue parole: “Attualmente, mi sto concentrando su altri progetti. Sto viaggiando molto, ho visitato molti luoghi anche mentre giocavo ma ora lo sto facendo con più calma. Il mio rapporto con il Milan è molto stretto, siamo sempre in contatto. Tornare da dirigente? Sì, tornerò. L’unica certezza che ho è che un giorno lavorerò lì, ma non so quando”.

Poi svela un retroscena che per lui è un vero e proprio rimpianto: “Per me è molto difficile dirlo, ma una volta che il mio contratto con Orlando si è concluso, un club del Messico è venuto da me e mi ha offerto la possibilità di giocare nel campionato messicano. Ho apprezzato l’invito e ho detto loro che ci avrei pensato, ma poi ho parlato con i medici e ho preferito terminare in quel momento la mia carriera e non ho potuto accettare la proposta. La squadra messicana più famosa e conosciuta è il Club America, e mi sarebbe piaciuto giocare in Messico”.

Articolo precedenteNicola: “Lasagna è fondamentale per noi. Voglio evitare cali come in passato. Il gol di Pussetto? Ho i miei dubbi, ma rispetto decisione arbitrale”
Articolo successivoMercato: De Gea-United, rinnovo fino al 2020 in vista?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui