[df-subtitle]Scaroni: “Oggi lo Scudetto vale un pochino di meno rispetto a 15-20 anni fa. Vincere il campionato è bellissimo, ma il mondo del calcio è diventato quello della Champions League. E per noi quello che conta è tornarci”[/df-subtitle]

Paolo Scaroni, nuovo presidente del Milan, ha parlato a tutto campo a “La Gazzetta dello Sport“, spiegando le ambizioni di questa nuova società rossonera, che punta a tornare in alto.

Così il massimo dirigente: “Sono molto fortunato, per un milanista fare il Presidente del Milan non è mica male. Sarà ancora più divertente quando avremo un amministratore delegato, perché io lo sono di complemento. In realtà sono impegnatissimo, ma serve qualcuno che lo faccia come lavoro fisso. Sono entrato nel Consiglio d’Amministrazione su segnalazione di Elliott e già all’epoca mi fu detto che se loro fossero mai diventati proprietari del Milan, avrebbero potuto pensare a me come Presidente. Io diedi la mia disponibilità, anche se all’epoca era difficile pensare che sarebbe potuto capitare davvero“.

Continua: “Per me il comportamento di Mister Li è inspiegabile: un signore che fa un piano e non rispetta il suo stesso piano. Il futuro? Non abbiamo fretta, e soprattutto non voglio metterla a Elliott. Non esiste una deadline, diciamo che entro qualche settimana il problema sarà risolto. E’ una scelta che non va fatta sotto pressione. Dovrà essere una figura con una fortissima connotazione commerciale. Per quanto riguarda Gazidis, si tratta di un soggetto che ha già un datore di lavoro e non è bello parlarne“.

Di seguito: “Senza conti e facce diverse, in Europa non saremmo andati. Ora occorre aumentare i ricavi. Bisogna schiodare il Milan da quei 210 milioni ma è una cosa per cui occorrono anni, non mesi. Su questo terreno il Milan ha fatto molto poco negli ultimi anni. Prendiamo la Juventus: ieri in Lega Calcio guardavo quel tabellone con i sette Scudetti consecutivi e fra me e me riflettevo sul fatto che oggi lo Scudetto vale un pochino di meno rispetto a 15-20 anni fa. Vincere il campionato è bellissimo, ma il mondo del calcio è diventato quello della Champions League. E per noi quello che conta è tornarci, ma vorrei sottolineare che non è una previsione inserita nel piano con cui ci siamo presentati alla UEFA. Non ci siamo dati una tempistica. Ma è un obiettivo all’interno del piano di Elliott, quindi i 3-5 anni di cui abbiamo già parlato. Berlusconi? Con il Monza ora si divertirà da matti. Yonghong Li? Non ci ho capito un accidente, ma io penso a cosa deve fare il Milan nei prossimi due anni, non a Mister Li. A non funzionare, di quel Milan, è stato il continuo tira e molla sui soldi“.

Poi sul tecnico Gattuso: “Ha tutta la fiducia della società, e in particolare di Leonardo e Maldini. Una fiducia che poggia su una base solida: a parlare per lui sono i risultati. Noi abbiamo garantito una società e una squadra solida: con questo binomio possiamo ottenere qualunque obiettivo“.

Articolo precedentePSG, Mbappé: “Contro il Napoli sarà difficile, firmo per una finale contro la Juventus”
Articolo successivoSerie B, oggi l’anticipo del 3° turno tra Venezia e Benevento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui