Milan Rangnick Ibra – Prima di rinnovare il contratto di Stefano Pioli, il Milan era molto vicino ad ingaggiare Ralf Rangnick per la panchina. L’andamento positivo della squadra, però, ha convinto la società a confermare l’ex Fiorentina. Oggi, Rangnick è intervenuto sulle pagine de La Gazzetta dello Sport. Di seguito le sue dichiarazioni riportate da calciomercato.com:

Quando ha sentito il Milan per la prima volta?
“I primi contatti col Milan risalgono a fine ottobre, quando la squadra era in una situazione complicata a tre punti dalla zona retrocessione. Io non ne ho mai parlato in pubblico, ma nessun contratto o penale”. 

Alla fine si è virato su Pioli, che è stato confermato.
“Conferma meritata, anche per la persona che è: l’ho apprezzato nelle interviste, sempre concentrato sugli obiettivi. La sua squadra è stata la migliore post coronavirus: cambiare allenatore non sarebbe stato saggio, né rispettoso. Se poi è la scelta giusta nel medio e lungo termine, è un’altra questione”. 

Maldini e Boban.
“Nella vita una delle mie regole è: non parlare di chi non conosci personalmente. E da parte mia non è mai stata detta mezza parola sul Milan, mai. Posso parlare di Maldini ex calciatore: è stato straordinario, una leggenda vera e propria. Ma non posso dire lo stesso da direttore sportivo: semplicemente, non lo conosco in questo ruolo. Da esterno ci si può chiedere sela proprietà è contenta dei risultati in rapporto al denaro investito negli ultimi anni. Io causa del divorzio tra Boban e il Milan? Dovete chiedere a chi rappresenta il club”. 

Infine, una domanda su Ibrahimovic.
“La domanda è: perché il Milan si era rivolto a me e cosa mi voleva far fare? Magari cercava una svolta. Lavoro alla crescita e i giovani imparano molto più in fretta. Non è nel mio stile insistere su giocatori di 38 anni: non perché non siano abbastanza bravi, e Ibra certamente lo è, ma perché preferisco creare valore e sviluppare il talento. Per me ha poco senso puntare su Ibra o Kjaer, ma è la mia idea, né giusta né sbagliata, semplicemente diversa. Quando Ibra ha detto di non conoscermi non aveva torto, perché anch’io non lo conosco personalmente, non avendoci mai parlato”. 

Articolo precedenteBarcellona presentazione Koeman: “Voglio tenere Messi”
Articolo successivoInter Lukaku Real Madrid sull’attaccante belga per sostituire Benzema

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui