Milan, Pioli: “Ecco come abbiamo seguito la strada giusta. Ibra…”

Milan, Pioli: “Ecco come abbiamo seguito la strada giusta. Ibra…”

MILAN PIOLI – Stefano Pioli, allenatore del Milan ha parlato in una lunga intervista ai microfoni di Sky Sport. Le sue dichiarazioni:

Se il Milan fosse una donna…sarebbe mia moglie. Sono sposato con mia moglie da 32 anni, è l’amore della mia vita...”.

Tante parole su Ibrahimovic:L’ok di Zlatan è arrivato dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Sapevo che avevamo bisogno di questa personalità, di questa forza, di questo carisma e siamo stati subito pronti. Ho sempre pensato che per me fosse il giocatore giusto adatto al nostro gruppo, al nostro modo di lavorare e giocare ma soprattutto alla mentalità, alla cultura di lavoro importante. Mai avuto dubbi.

Il primo incontro a Milanello è stato quello con un campione di professionalità, tecnica. Poche parole ma ho capito che mi trovavo davanti una persona intelligente, simpatica: sa sempre motivare i compagni nel modo giusto, a volte in campo li sprona con veemenza, forza ma sa capire i momenti. Mi piace la sua schiettezza, il suo essere diretto“.

Si torna indietro alla sconfitta con l’Atalanta che ha segnato il Milan:Una sconfitta pesante, difficile da accettare per un club come il Milan. Abbiamo avuto tanta volontà e tanta forza di portare via situazioni che ci hanno permesso di crescere, far capire determinate situazioni e il modo di interpretare le partite. Il nostro percorso è iniziato a gennaio con un mercato importante da parte della società. Le partite si possono perdere ma vanno giocate con più intensità, qualità e determinazione“.

Le soluzioni tattiche di Pioli:Cambiando un po’ assetto, centrocampo a tre con vertice alto e trequartista, poi Zlatan… si intravedeva che il percorso poteva essere giusto”.

La rimonta subita dall’Inter: “Vincere 2-0 e poi perderla… quella partita ci ha aiutato a crescere tanto, delusione forte ma ci ha convinto su quale fosse la strada giusta“.

Il lockdown e la gestione della stagione:Lo stare a casa è servito, a me e ai giocatori. Per questo ho deciso di lasciarli liberi le prime due settimane, ci sentivamo ma non eravamo stressati. Poi è arrivato il momento giusto di ritrovarci, allenarci a gruppi e poi tutti insieme.

Pur stando lontani, ci siamo ricompattati di più e parlandoci così tanto spesso, abbiamo rafforzato il nostro obiettivo e le nostre possibilità. Ho ritrovato lo stesso entusiasmo e positività, ci siamo preparati poco per giocare tante partite ma siamo stati bravi a rimanere ad un certo livello di prestazione anche senza giocatori importanti“.

Pioli conclude: “Dopo Sassuolo, mi hanno chiesto di continuare il lavoro. Ibra e la famiglia? Non poteva finire così, io e la società abbiamo fatto di tutto per convincerlo.

Pensare di fare nove mesi con questi risultati diventa difficile, pian piano abbiamo conquistato questa classifica; siamo a metà della salita, c’è ancora tanto da fare e pensare partita per partita e crescere, giocando un calcio che piace a me e ai giocatori, offensivo e propositivo“.

Qui per tornare in homepage.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/customer/www/europacalcio.it/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

Alessandro Collu
Alessandro Collu 4676 posts

Giornalista pubblicista e laureato magistrale in Editoria e giornalismo, triennale in Lingue e comunicazione, appassionato di calcio italiano e internazionale (soprattutto Inghilterra e Spagna), tecnologia e viaggi. Attualmente inviato a Verona dove segue le squadre della città da qualche anno.

View all posts by this author →

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply