MILAN PIOLI – Stefano Pioli, allenatore del Milan ha parlato in una lunga intervista ai microfoni di Sky Sport. Le sue dichiarazioni:

Se il Milan fosse una donna…sarebbe mia moglie. Sono sposato con mia moglie da 32 anni, è l’amore della mia vita...”.

Tante parole su Ibrahimovic:L’ok di Zlatan è arrivato dopo la sconfitta contro l’Atalanta. Sapevo che avevamo bisogno di questa personalità, di questa forza, di questo carisma e siamo stati subito pronti. Ho sempre pensato che per me fosse il giocatore giusto adatto al nostro gruppo, al nostro modo di lavorare e giocare ma soprattutto alla mentalità, alla cultura di lavoro importante. Mai avuto dubbi.

Il primo incontro a Milanello è stato quello con un campione di professionalità, tecnica. Poche parole ma ho capito che mi trovavo davanti una persona intelligente, simpatica: sa sempre motivare i compagni nel modo giusto, a volte in campo li sprona con veemenza, forza ma sa capire i momenti. Mi piace la sua schiettezza, il suo essere diretto“.

Si torna indietro alla sconfitta con l’Atalanta che ha segnato il Milan:Una sconfitta pesante, difficile da accettare per un club come il Milan. Abbiamo avuto tanta volontà e tanta forza di portare via situazioni che ci hanno permesso di crescere, far capire determinate situazioni e il modo di interpretare le partite. Il nostro percorso è iniziato a gennaio con un mercato importante da parte della società. Le partite si possono perdere ma vanno giocate con più intensità, qualità e determinazione“.

Le soluzioni tattiche di Pioli:Cambiando un po’ assetto, centrocampo a tre con vertice alto e trequartista, poi Zlatan… si intravedeva che il percorso poteva essere giusto”.

La rimonta subita dall’Inter: “Vincere 2-0 e poi perderla… quella partita ci ha aiutato a crescere tanto, delusione forte ma ci ha convinto su quale fosse la strada giusta“.

Il lockdown e la gestione della stagione:Lo stare a casa è servito, a me e ai giocatori. Per questo ho deciso di lasciarli liberi le prime due settimane, ci sentivamo ma non eravamo stressati. Poi è arrivato il momento giusto di ritrovarci, allenarci a gruppi e poi tutti insieme.

Pur stando lontani, ci siamo ricompattati di più e parlandoci così tanto spesso, abbiamo rafforzato il nostro obiettivo e le nostre possibilità. Ho ritrovato lo stesso entusiasmo e positività, ci siamo preparati poco per giocare tante partite ma siamo stati bravi a rimanere ad un certo livello di prestazione anche senza giocatori importanti“.

Pioli conclude: “Dopo Sassuolo, mi hanno chiesto di continuare il lavoro. Ibra e la famiglia? Non poteva finire così, io e la società abbiamo fatto di tutto per convincerlo.

Pensare di fare nove mesi con questi risultati diventa difficile, pian piano abbiamo conquistato questa classifica; siamo a metà della salita, c’è ancora tanto da fare e pensare partita per partita e crescere, giocando un calcio che piace a me e ai giocatori, offensivo e propositivo“.

Qui per tornare in homepage.

Articolo precedenteMercato Sampdoria Dennis Man: anche i blucerchiati in corsa?
Articolo successivoZielinski alla ricerca della continuità di rendimento. Il 2021 sarà il suo anno

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui