Milan parla Leao – Rafael Leao è sicuramente, assieme a Zlatan Ibrahimovic, uno degli artefici principali di questo inizio campionato spumeggiante del Milan. Dopo la vittoria contro lo Sparta Praga di ieri sera che ha consegnato ai rossoneri il primo posto nel girone di EL, il portoghese ha parlato ai microfoni della “Cbs“. Leao ha analizzato l’ ottimo inizio di stagione della squadra con una menzione speciale ad un grande campione: Ibrahimovic.

Ecco le sue dichiarazioni:

Milan parla Leao – SU IBRAHIMOVIC: «Giocavo con il suo personaggio alla PlayStation 4 quando mi sono trasferito al Milan ed ora gioco e mi alleno con lui nella vita reale. Ogni giorno con lui è un’opportunità per migliorarsi, sono molto orgoglioso e sto cercando di ascoltarlo e di diventare migliore ogni giorno grazie a lui. Fuori dal campo gioca, scherza. In campo, è diverso. È rude e non scherza più. Quando lo hai sul terreno di gioco, puoi battere qualsiasi squadra. Non importa chi questa sia. Ibrahimovic è un’icona: quando lo hai in squadra, puoi raggiungere grandi traguardi».

SULL’ APPROCCIO ALLE PARTITE: «Abbiamo Ibrahimovic che ha portato l’esperienza per aver giocato in Champions League e per aver vinto l’Europa League. Quindi, abbiamo giovani giocatori ed un grande allenatore come Stefano Pioli. Pioli ci dice di non sentire pressione, ma soltanto di giocare la nostra partita e di divertirci. Quando sento questo, è quello che mi faccio. Mi godo la partita».

SUL GIOIELLO NORVEGESE JENS PETTER HAUGE: «Alla fine del primo tempo, quando siamo rientrati negli spogliatoi, gli ho detto ‘Fratello, continua così, vai uno contro uno e vedrai che segnerai’. È un mio compagno di squadra. Quando lui aiuta la squadra, sta aiutando me. Quando la squadra non sta andando bene, è difficile per i calciatori farsi notare».

SUL PESO DELLE ASPETTATIVE: «Certamente. Quando abbiamo una partita sappiamo di dover dare il 100% perché questo club ha vinto 7 Champions League. Che sia, dunque, Coppa Italia o Europa League, non ci interessa: noi vogliamo vincere sempre».

Articolo precedenteBaggio su Rossi: “ci ha regalato un sogno, cosa che a me non è riuscita”
Articolo successivoSampdoria, Quagliarella: “Onore giocare a Napoli con il nuovo nome allo stadio. Maradona e Rossi…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui