[df-subtitle]Mirabelli: “Ogni giocatore che esce o entra dovrà avere il via libera di Gattuso. Sappiamo cosa dobbiamo fare”[/df-subtitle]

Intercettato dai microfoni di “Sky Sport“, Massimiliano Mirabelli prova a fare chiarezza attorno all’ambiente Milan, specie per quanto riguarda il calciomercato.

Queste le sue dichiarazioni: “Abbiamo faticato tanto, ma ora ripartiamo per una nuova stagione, speriamo sia una grande annata. Non abbiamo fatto vacanze, siamo tutti carichi per vedere ciò che potremo fare. Abbiamo sentito tanti nomi, dico ai tifosi di non starci però dietro. Abbiamo le idee chiare, abbiamo un mercato in uscita da fare e poi uno in entrata. Ogni giocatore che esce o entra deve avere il via libera di Gattuso. L’anno scorso avevamo già in programma di fare una base solida e quest’anno mettere tre giocatori importanti, purtroppo è arrivata qualche entrata in meno e quindi ne pagherà il mercato. Dovremo fare un mercato a zero e avere tante idee, lavorare tanto. Per quanto mi riguarda arriverà solo gente di qualità, a costo di rimanere quelli che siamo. Gattuso ha questa rosa, abbiamo tantissime richieste ma decide lui se fare a meno di un big“.

Prosegue il direttore sportivo rossonero: “Gomez ha avuto una problematica con il Boca, è richiesto anche in Italia quindi aspettiamo questi giorni e poi vediamo come intervenire. Kalinic ha tantissime richieste da Turchia, Russia, Germania e Spagna, ce l’hanno chiesto un po’ tutti. L’Atletico e il Siviglia sono i più vicini, se il mister darà l’ok potremmo venderlo. Interesse per Zaza? A parte che è un giocatore di un’altra squadra, noi non stiamo prendendo in considerazione nessun tipo di acquisto, perché non sappiamo cosa abbiamo in tasca in questo momento. Lo sapremo solo quando avremo fatto qualche operazione in uscita“.

Articolo precedenteTorino, Cairo sul mercato: “Izzo giocatore da Toro. Sta arrivando un colpo”
Articolo successivoRonaldo sempre più vicino alla Juventus

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui