Milan, le parole di Messias: “Siamo da Scudetto. Questa maglia storia impressionante, va onorata”

La sessione di mercato in entrata del Milan si è chiusa con l’acquisto di Junior Messias dal Crotone. Il brasiliano è infatti solo l’ultimo dei dieci arrivi in casa rossonera quest’estate, e per questo l’ultimo a presentarsi.

JUNIOR MESSIAS, LE PRIME PAROLE DA GIOCATORE DEL MILAN

Queste le sue dichiarazioni, riportate dal Corriere dello Sport, della sua prima conferenza stampa con la maglia del club:

“Essere al Milan è il massimo della vita. Arrivare qua per me è motivo di orgoglio e soddisfazione. Sono stati pagati lavoro e sacrifici che ho fatto. Questa maglia ha una storia impressionante e sono orgoglioso di vestirla”.

Queste le prime parole del calciatore brasiliano, arrivato in rossonero a 30 anni, dopo esperienze in serie minori e di lavori extra calcio per guadagnare abbastanza.

“Arrivare a Milanello e trovare giocatori importanti e un allenatore importante, sono emozioni che si provano poche volte nella vita. Serve cultura del lavoro? Ci sono tante componenti da mettere insieme, lavoro e talento non bastano, serve molto per fare bene”, spiega l’attaccante che è protagonista di una storia di vita fatta di sacrifici e sogni.

Da brasiliano, con numeri notevoli in fatto di dribbling riusciti, Messias vuole portare “un po’ di fantasia nel calcio” ma prima di tutto mettendosi a disposizione del mister.

Milan, Messias

Il sogno è vincere e lo Scudetto, secondo Messias, è possibile:

“Già lo scorso anno il Milan poteva vincere lo Scudetto. Ho visto una squadra aggressiva che ha voglia di vincere, ci sono giocatori importanti e ci proveremo. La notte della mia trattativa? Non ho dormito, aspettavo la notizia e alle 2 di notte mi ha chiamato il mio procuratore, poi ho parlato con i dirigenti… ero contentissimo”.

LEGGI ANCHE:

Dal Milan alla Dewusky Football Academy: la nuova vita di Aliyu Datti

Mandzukic dice addio al calcio giocato con una lettera sui social…

Mercato Napoli Mirante, l’ex Roma potrebbe accasarsi agli azzurri

Articolo precedenteDal Milan alla Dewusky Football Academy: la nuova vita di Aliyu Datti
Articolo successivoTorino, Cairo: “Rispetto Juric. Abbiamo preso chi voleva lui”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui