MILAN GIROUD – Intervistato da “La Gazzetta dello Sport“, Olivier Giroud parla in vista del derby di domenica sera tra il suo Milan e l’Inter.

Così il bomber francese: “Partita importante perché mandare l’Inter a dieci punti non sarebbe male, anche se c’è ancora tanto da giocare. Diciamo che sarà una gara fondamentale ma non decisiva e il Milan ha le armi per vincerla. Certo, l’avversario è molto forte, però se giochiamo come sappiamo possiamo vincere. Siamo il Milan e abbiamo sette punti in più, qualcosa vorrà pur dire. Dobbiamo avere molta fiducia in noi stessi. Rispettare l’avversario non significa averne soggezione. L’avversario che temo di più? Lautaro è pericoloso ma l’Inter ha tanti giocatori di alto livello e il collettivo è molto buono. Però abbiamo il destino nelle nostre mani. Se facciamo quello che sappiamo fare, possiamo vincere“.

MILAN GIROUD

MILAN GIROUD – Prosegue: “Nella carriera di un calciatore e nella vita ci sono i momenti giusti per fare le cose giuste. Il Milan è stata la scelta migliore per me. Io e la mia famiglia stiamo benissimo a Milano: la gente è gentile, ha tanta passione per il calcio, si vive bene. Il tempo libero non è molto e con quattro figli sono un papà molto impegnato. Accompagno uno dei miei figli a calcio, la figlia a equitazione… Ci stiamo godendo la città e spesso vengono a trovarci parenti e amici, visto che Grenoble è vicina. Abbiamo visitato il Duomo che è bellissimo, siamo stati al lago di Como e abbiamo fatto un bel giro in barca“.

Poi sullo scudetto: “E perché non dovrei crederci? In campionato stiamo andando veramente bene, giochiamo un buon calcio e abbiamo molte diverse possibilità. Siamo una squadra giovane che crescerà in fretta: conoscevo le qualità di Leao, ma il suo talento visto da vicino è veramente incredibile. Non conoscevo invece Tonali, che mi ha impressionato per volume di gioco e qualità. E poi ci sono ragazzi come Gabbia e Daniel Maldini che diventeranno grandi in fretta“.

 

LEGGI ANCHE, AD ESEMPIO:

Shakhtar, De Zerbi: “Ci manca ancora un pezzo per diventare protagonisti”

Xavi: “Barcellona? Stiamo parlando, spero che la soluzione arrivi presto”

Inter, Inzaghi: “Il destino ora è nelle nostre mani. Sul Derby…”

Inter Ausilio: “A Gennaio non ci saranno uscite. A Conte auguro il meglio”

Juventus rinnovo Bernardeschi ancora in bilico

Articolo precedenteJuventus-Fiorentina, Allegri: “Vincere partite e metterle da parte, c’è da crescere e lavorare”
Articolo successivoMilan, Tatarusanu: “Non mi sento un secondo portiere. Su Donnarumma…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui