Milan Cardinale Ibra – Il presidente del Milan, Gerry Cardinale, ha presenziato come ospite al Business of Football Summit – The Path to Profit a Londra organizzato dal Financial Times insieme a Zlatan Ibrahimovic. Il patron dei rossoneri ha parlato di varie tematiche tra cui la stagione in corso e il nuovo stadio. Di seguito le dichiarazioni raccolte da Calciomercato.com.

Il ruolo di Ibra – Ibrahimovic è il mio proxy a Milano, ha l’autorità di essere la mia voce coi giocatori, con lo staff tecnico e a Casa Milan. Tra i benefit di prendere un anno per studiare la situazione c’è stato anche quello di conoscere bene Ibrahimovic. Quando ho conosciuto Zlatan ero molto incuriosito, lui è un grande giocatore di squadra e se si riesce ad inserire il fattore di essere squadre anche nel mondo del business si possono fare cose migliori. Quando vengono comprati i club, ci si affida solitamente a tanti consulenti, ma chi conosce meglio il Milan e il calcio europeo di Zlatan? Abbiamo una comprovata esperienza di partnership con persone come lui, da Dwayne Johnson a LeBron James passando per Ben Affleck e Matt Demon e in Zlatan vedo le stesse cose”.

Milan, Cardinale: “Non siamo soddisfatti, Ibra…”

Nuovo stadio – “E’ confermato, porteremo uno stadio in stile americano a Milano. Gli asset sono dei tifosi e io voglio creare un nuovo valore, soprattutto per l’Italia e per l’intera Serie A. Abbiamo fatto più progressi noi in 18 mesi che chiunque altro in Italia, stiamo cercando di creare non solo lo stadio ma un entertainment campus in stile americano. Milano sarebbe il posto perfetto e sarebbe positivo per Milano, l’Italia e la Serie A. Il mio obiettivo è creare una società per costruire lo stadio e poi utilizzarla per aiutare gli altri a club a costruire i loro stadi. Voglio aiutare la Serie A a crescere.

Io vorrei vincere ogni anno, sarebbe impossibile, ma è il livello competitivo che crea valore. Se fossero i soliti club a vincere ci sarebbe meno valore. Quando abbiamo comprato il Milan molti mi hanno chiamato negli USA chiedendomi se ero diventato matto, non si può fare business in Italia. Ma non sono d’accordo, c’è resistenza ovunque. Io amo San Siro, è un privilegio giocare lì, la questione però non è lo stadio ma se possiamo vincere meglio con un nuovo stadio e la risposta categoricamente è sì. Possiamo aggiungere value alla Serie A facendo da esempio”.

Non siamo soddisfatti – Tutto ciò che riguarda il Milan deve evolvere. Guarderemo anche al personale, non siamo soddisfatti degli infortuni. Io e Zlatan non siamo contenti che non siamo primi in classifica, ma la squadra è giovane è può migliorare nel tempo. Se compri un giocatore e non ce l’hai a disposizione, cosa paghi a fare il suo cartellino? E’ frustrante. Va migliorato l’aspetto medico nel Milan”.

 

LEGGI ANCHE:

  1. De Laurentiis: “Il calcio è malato. Osimhen? Vedremo chi partirà”
  2. Paul Pogba all’attacco delle Istituzioni: “Tutto falso, farò ricorso”
  3. Lazio-Milan, Pioli: “Felice e orgoglioso dei miei, alla sosta vedremo le nostre ambizioni. Leao…”
Articolo precedenteFiorentina, Italiano a SI: “Fatto gavetta, qui si lavora bene. Addio Spezia sbagliato, l’Inter, De Zerbi…”
Articolo successivoIbrahimovic, il vero plenipotenziario del Milan: “Decisioni non facili”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui