Non sarà domenica in panchina per l’esordio in campionato del suo Bologna a Verona. Ma Sinisa Mihajlovic troverà il modo di dirigere a distanza la squadra, dopo aver fatto le prove generali ieri a Pisa, in Coppa Italia.

Il tecnico serbo che il 15 luglio scorso ha rivelato di essere affetto da leucemia, si avvia alla conclusione del primo ciclo di chemioterapia presso il reparto di ematologia dell’Istituto Seragnoli del policlinico Sant’Orsola di Bologna. In seguito alla folgorante notizia, l’allenatore era stato costretto ad abbandonare il ritiro precampionato dei rossoblù e a avviare immediatamente le cure.

Una vicenda che ha suscitato non poca commozione e solidarietà collettiva da tutto il mondo del calcio, ma che non sta impedendo all’allenatore di mantenere una relazione stretta con i suoi collaboratori e la squadra, come ha confermato il vice Emilio De Leo al termine della partita di ieri sera contro il Pisa:

“Il tecnico ha fatto il discorso pre-gara alla squadra collegato in video conferenza. L’ho sentito durante l’intervallo e alla fine, ha assistito in tempo reale alla partita collegato in streaming e via microfono con il nostro collaboratore video, che a propria volta comunicava con me in diretta”.

[df-subtitle]Mihajlovic guida la squadra grazie a uno streaming privato[/df-subtitle]

Mihajlovic, insomma, non ha perso il polso della situazione, nonostante una complicatissima situazione personale. Tutt’altro. Ha chiesto e ottenuto che il centro tecnico fosse cablato per poter vedere in tempo reale tutti gli allenamenti della squadra. Ha confronti quotidiani, via telefono o via teleconferenza, con i membri dello staff, i dirigenti e lo spogliatoio. Grazie a uno streaming privato, trasmesso su un’apposita piattaforma, il mister ha avuto la possibilità di seguire gli allenamenti dei suoi e di correggerli in tempo reale comunicando con Renato Baldi, uno dei suoi collaboratori.

A distanza, Sinisa ha pure “guidato” l’amichevole sostenuta dai rossoblù contro il Villarreal. Stesso discorso per il terzo turno eliminatorio di Coppa Italia. Mihajlovic non sarà presente fisicamente ma, grazie alla tecnologia, studierà la prestazione e ordinerà i cambi. E’ sempre lui il direttore d’orchestra rossoblù: seppur a distanza.

 

Articolo precedenteFiorentina, Montella: “Pazienti contro il Monza, gara non facile. Ribery? Voglio giocatori funzionali, lui…”
Articolo successivoMercato Atalanta, piace Sabaly ma ci sono altri due nomi nella lista: Laxalt e Dimarco

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui