Michele Di Gregorio, estremo difensore del Monza, sta consacrando l’ottima stagione fatta registrare l’anno scorso: il FOCUS sul portiere

Tiger Man: un soprannome, una garanzia. Per tutti, Michele Di Gregorio, estremo difensore del Monza la cui inarrestabile parabola viaggia in parallelo con le ambizioni d’alta classifica della favola creata dai brianzoli. Alla prima stagione in Serie A, dopo la storica promozione ottenuta col club qualche mese prima, il ventiseienne portiere ha dimostrato la propria prontezza tra i pali e la propria grande reattività al cospetto di un portiere affermato come Alessio Cragno, al quale aveva già lanciato (idealmente) il guanto di sfida nel corso della preparazione estiva. Con l’arrivo di Palladino, poi, Di Gregorio ha definitivamente relegato in panchina il nuovo acquisto proveniente da ben altre realtà più affermate della massima categoria, premiando la scelta forte del Mister.

A fine stagione, la prima da titolare in Serie A, appunto, l’ex Primavera dell’Inter è stato nominato tra i tre migliori portieri del campionato nazionale, con il primo posto ottenuto da Ivan Provedel, estremo difensore della Lazio. Il numero 16 dei brianzoli si sta consacrando a grandi livelli anche nel corso di questa stagione, in virtù di prestazioni di alto livello e con soli tredici gol subiti in altrettante uscite. La grande ascesa di Michele Di Gregorio parte da molto lontano, dalla cosiddetta gavetta, indicata nei prestiti al Renate, al Novara e al Pordenone, prima della grande chance rappresentata dall’ambizioso progetto Monza targato BerlusconiGalliani.

Ottenuta la promozione grazie al decisivo spareggio vinto contro il Pisa, in un campionato di B nel quale ha messo a referto anche un assist su lancio di 80 metri per la rete di Gytkyaer, Di Gregorio decide di restare a Monza malgrado le prime voci di mercato lo vedano soccombere nelle gerarchie al ruolo di secondo portiere. Alla prima stagione in A, come detto, l’estremo difensore risulta uno dei leader dell’ottimo pacchetto difensivo studiato da Palladino, il che contribuisce a condurre una piccola realtà come quella brianzola ad uno storico undicesimo posto, frutto di 52 punti in classifica, secondo risultato di sempre in termini di punti conquistati per una promossa in A.

Michele Di Gregorio, il custode di una favola chiamata Monza

In poco più di una stagione e mezza, Di Gregorio si sta consacrando quale uno dei migliori portieri a livello Nazionale, il che potrebbe portarlo a spalancare le porte della nuova Nazionale di Luciano Spalletti. Con ogni probabilità, la grande ascesa del portiere meneghino continuerà lontano dalla Brianza, laddove (quasi) tutto è cominciato: la parabola di Tiger Man, custode di una favola targata Monza.

Oltre all’articolo: “Michele Di Gregorio, custode di una favola chiamata Monza”, leggi anche:

  1. Bernardeschi alla Continassa, solo visita di cortesia? La replica
  2. Bilancio Napoli 2023, record storico per la società di De Laurentiis
  3. Bove, cuore giallorosso e nuovo “Capitan futuro”: le dichiarazioni
  4. Atletico Madrid, Molina a un passo dal rinnovo fino al 2028
  5. Jorginho su Arteta: “Vincerà tanto nella sua carriera da allenatore”
  6. Dalla Germania: anche il Manchester United pensa a Werner
  7. La rovesciata spettacolare di Garnacho fa il giro del mondo
  8. Dalla Germania: il Bayern pensa ad Araujo del Barcellona
  9. Verona-Lecce 2-2: botta e risposta al Bentegodi
  10. Lazio, la rabbia di Lotito: “Svolta immediata o salta qualcuno”
  11. Il Frosinone non si arrende mai: Genoa battuto nel recupero (2-1)
  12. Bernardeschi alla Continassa, solo visita di cortesia? La replica
  13. Bilancio Napoli 2023, record storico per la società di De Laurentiis
  14. Bove, cuore giallorosso e nuovo “Capitan futuro”: le dichiarazioni
  15. Atletico Madrid, Molina a un passo dal rinnovo fino al 2028
  16. Jorginho su Arteta: “Vincerà tanto nella sua carriera da allenatore”
  17. Dalla Germania: anche il Manchester United pensa a Werner
  18. La rovesciata spettacolare di Garnacho fa il giro del mondo
Articolo precedenteInter-Juve, duello anche sul mercato: tentativo di Giuntoli per Djalò
Articolo successivoGudmundsson: “Ho realizzato il mio sogno, fortunato ad avere Gilardino”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui