Walter Junior Messias, trequartista del Milan, sarebbe finito nella lista dei desideri di Juric: due ostacoli da superare

I primi giorni di raduno del nuovo corso del Milan 2023/2024 potrebbe rappresentare, contestualmente, anche gli ultimi in rossonero per Junior Messias. Il trequartista brasiliano, secondo quanto riportato da calciomercato.com, sarebbe l’ultima idea del Toro per la fascia destra. Il Diavolo, dal canto suo, non considera il classe 1991 incedibile e avrebbe iscritto l’ex Crotone sulla lista dei partenti della sessione estiva.

Secondo quanto appreso, dunque, gli intermediari di Milan e Torino starebbero per imbandire il tavolo della trattativa sulla base di un’operazione a titolo definitivo. Gli ostacoli per la definizione dell’affare, al momento, sarebbero sostanzialmente due: la volontà del calciatore, che non avrebbe ancora sciolto le riserve in merito all’addio a Milanello con un anno di anticipo rispetto la scadenza contrattuale, e la valutazione del Milan per il cartellino del brasiliano, stimata in 8 milioni di euro. Richiesta considerata eccessiva da parte della società granata.

Un altro dossier tra le due società potrebbe essere aperto considerando anche il profilo di Singo, terzino granata il cui contratto con la società piemontese scadrà nel giugno 2024. La dirigenza rossonera avrebbe espresso gradimento per l’esterno ivoriano, anche se, Urbano Cairo, non avrebbe la minima intenzione di svalutare il cartellino del classe 2000. Difficile dunque, al momento, ipotizzare uno scambio alla pari tra le due società. La sensazione è che le operazioni possano essere slegate tra loro e, quella più percorribile, sia quella che condurrebbe Messias sotto la Mole. A patto che, il classe 1991, sciolga definitivamente le riserve e non si senta più parte integrante dei progetti del Diavolo per la prossima stagione.

Oltre all’articolo: “Messias, il Toro chiama: il Milan apre, il brasiliano…”, leggi anche:

Articolo precedenteMilinkovic-Savic, Arabia Saudita mai stata così vicina: c’è l’accordo
Articolo successivoOrigi, c’è chi dice “no”: offerta araba rispedita al mittente

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui