Mercato Milan: la dirigenza rossonera starebbe attentamente monitorando la crescita di Zeno Debast, difensore classe 2003 dell’Anderlecht

Radar attivi da tempo, a caccia di un colpo in prospettiva in piena linea con i parametri imposti dal Fondo RedBird; grande fisicità e capacità tecnica in fase di impostazione, per un centrale paragonato già a Kompany, suo mentore all’Anderlecht. Secondo quanto riportato da calciomercato.com, il Diavolo monitora con attenzione la crescita di Zeno Debast, centrale classe 2003 e autore di un’ottima prima parte di stagione in Belgio, campionato nel quale si sta contraddistinguendo per le proprie prestazioni e una crescita esponenziale. Dopo una lunga trafila nelle giovanili, il gioiello di casa Anderlecht ha già collezionato ventiquattro presenze in stagione, che hanno attirato le attenzioni di diversi club in giro per l’Europa. Tra questi, appunto, il Milan, società che dovrà necessariamente apportare qualche modifica al reparto difensivo nel corso della sessione estiva.

E il momento opportuno per colpire potrebbe essere imminente, considerando la scadenza fissata sull’accordo contrattuale tra Debast e il club belga, stanziata nel 2025. Il Diavolo, dunque, potrebbe decidere di affondare il colpo e strappare il calciatore all’Anderlecht a prezzo notevolmente ridotto rispetto al reale valore del difensore. Le relazioni più che positive dell’area scouting potrebbero indurre la dirigenza rossonera a sondare il terreno nel corso dei prossimi mesi, anche perché, il colpo tanto atteso dallo stesso Stefano Pioli qualche settimana fa, prima della chiusura della finestra invernale, non è stato definito della società rossonera dopo i vari tentativi invani per Buongiorno, Dragusin e Brassier, tra gli altri. Un profilo da monitorare con estrema attenzione sarebbe, dunque, quello del ventenne belga, prima che la concorrenza possa raggiungere offerte troppo onerose per le casse rossonere.

Oltre all’articolo: “Mercato Milan: radar attivi su giovani di prospettiva, come Debast”, leggi anche:

Articolo precedenteSabelli: “Mi sento in debito col Genoa. Sullo scontro con Kvara…”
Articolo successivoTuchel: chiusa la porta Bayern, si apre il portone Manchester United

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui