MERCATO MILAN REINA – Mancano meno di dieci giorni alla fine del mercato. Per quanto riguarda il Milan, due giocatori rossoneri sono finiti nel mirino di due club esteri: il Real Madrid vorrebbe Pepe Reina, mentre Kessie rientrerebbe nei desideri di Jardim, tecnico del Monaco.

Così riferisce il sito de “La Gazzetta dello Sport“: “[…] A perdere un senatore come Reina si avrebbe un unico vantaggio: liberarsi di un ingaggio da 6 milioni lordi l’anno fino al 2021. Per un secondo portiere l’ingaggio è un tantinello fuori norma, non se si tratta di un senatore che fa spogliatoio e ha l’età giusta per aiutare un club che ha puntato molto sui giovani. Milan linea verde, Reina portiere tutor per la rosa.

Certo, al portiere spagnolo probabilmente non dispiacerebbe fare panchina al Real, visto come Zidane deve ora gestire la partenza di Navas. Il problema per Giampaolo, però, sarebbe poi quello di trovare un vice Donnarumma che dia un certo tipo di garanzie. E sembra difficile individuare oggi un portiere all’altezza dell’uomo che tanto aiutò Sarri nel gestire il suo Napoli dei miracoli“.

[df-subtitle]Milan, oltre a Reina, potrebbe partire anche Kessie: piace al Monaco[/df-subtitle]

MERCATO MILAN REINA – “Non proprio identico, ma abbastanza simile, il discorso per Kessie. L’ivoriano ad Udine partirà dalla panchina, ma in un reparto e in un ruolo dove il 23enne non è proprio da ritenersi una riserva:

il Monaco potrebbe arrivare a 25 milioni (la valutazione rossonera), stima il giocatore e ne conosce valore e soprattutto i margini di miglioramento.

Fatto sta che il Milan privandosene porrebbe Giampaolo nella scomoda situazione di avere, come unico sostituto a destra, quel Krunic appena arrivato da Empoli. Kessie, inoltre, resta comunque un nazionale ivoriano, la sua duttilità anche ad altri ruoli è spesso servita in passato:

predisposto alla fase difensiva (Drago a Cesena lo spostò dalla difesa alla mediana), grande fisicità e buona tecnica. In un Milan giovane perdere chi sa tenere il campo nelle intemperie può essere un rischio, specie se la fine del mercato si avvicina sempre più“.

Articolo precedenteJuventus – Parma, Nedved: “Dybala mai un problema, Higuain fortissimo”
Articolo successivoSerie A, la griglia di partenza: Parma mina vagante, il Brescia può salvarsi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui