[df-subtitle]Dzeko lascerebbe la Roma dopo quattro anni, mentre Lukaku – profilo molto gradito al nuovo tecnico Conte – approderebbe dal Manchester United[/df-subtitle]

Conquistato il quarto posto, con conseguente qualificazione alla prossima edizione di Champions League, in casa Inter si inizia seriamente a pensare al calciomercato, specie per l’arrivo di Conte. Se la trattativa per Edin Dzeko è in dirittura d’arrivo, non molto distante sarebbe Romelu Lukaku del Manchester United.

Così si legge su “La Gazzetta dello Sport” di oggi: “Il bosniaco e l’Inter hanno trovato un’intesa su tutto, manca soltanto l’interlocutore della Roma con cui parlare e imbastire una trattativa sul cartellino del giocatore, per cui i giallorossi chiedono venti milioni di euro. Ma finché la Roma non ufficializzerà il nome del nuovo direttore sportivo, la trattativa non potrà chiudersi. Un’idea di massima sulla tempistica però c’è: Roma e Inter hanno tutto l’interessa a definire l’operazione entro il 30 giugno, perché chi incassa (la Roma) mette a bilancio subito l’intera cifra pattuita, mentre chi compra (l’Inter) può spalmare su più anni a partire dal bilancio successivo, quindi dal prossimo 1 luglio“.

Dzeko sarà il primo top player in attacco per Conte. L’altro potrebbe essere Lukaku, su cui però al momento c’è stata una brusca frenata a causa della richiesta del Manchester United, che non accetta contropartite nell’affare e chiede 70 milioni. Tra Lukaku e l’Inter invece è già tutto delineato grazie a un recente blitz a Milano del belga. Qualche settimana fa, infatti, Lukaku è stato in Italia e ha incontrato i dirigenti nerazzurri, aprendo anche a uno sconto sull’ingaggio pur di sposare il nuovo progetto nerazzurro. L’Inter a quel punto ha cominciato a sondare la disponibilità del club inglese a lasciar partire l’attaccante prelevato due stagioni fa dall’Everton per 100 milioni (bonus inclusi), scontrandosi però con il muro dello United. Perisic era un pallino di Mourinho e oggi a Solskjaer non interessa, così come non scalda l’ipotesi di scambio con Icardi. L’Inter non ha fretta, ha registrato la volontà del giocatore e per ora va bene così. L’elenco delle priorità è stabilito e c’è il nome di Dzeko in testa. Poi si chiarirà il futuro Icardi, ultimo ostacolo prima dell’assalto finale per Lukaku“.

Articolo precedenteSarri: prima l’Europa League e poi la Juventus
Articolo successivoChiellini: “Non so chi sarà il prossimo allenatore”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui