In diretta a “Taca La Marca”, programma in onda su Radio Musica Television, è intervenuto Massimo Carrera, allenatore dell’AEK Atene, ex difensore di Juventus e Atalanta. Massimo Carrera si è soffermato sulla ripresa del calcio e su tanti altri temi.

Ecco quanto emerso.

La ripresa del calcio: “In questo momento siamo in preparazione, abbiamo avuto poco tempo per lavorare e le squadre non sono ancora in condizione e sarà difficile vedere ritmi alti”.

Super League play-off: “Purtroppo si gioca a porte chiuse e l’atmosfera non è la stessa. Al momento siamo secondi e quindi siamo vicini alla qualificazione in Champions. Sono soddisfatto di quello che stiamo facendo da quando sono arrivato a dicembre. Abbiamo fatto tanti punti e ci giochiamo l’opportunità di andare nell’Europa che conta”.

La concorrenza: “L’Olympiacos è una realtà e sono tanti anni ad alti livelli. Dopo di loro noi ce la giochiamo con altre squadre. Abbiamo bisogno di lavorare tanto e magari anche di qualche innesto per ridurre il gap”.

L’Inter e Antonio Conte: “Non ho avuto modo di veder la semifinale di Coppa Italia, ma Conte sta facendo un buon lavoro e con il tempo colmerà il gap con la Juventus”.

Supercoppa 2012 contro il Napoli: “Fu la mia prima panchina e fu un’emozione unica. Fu tutto inaspettato visto che non sapevamo quello che sarebbe successo. Con Conte ho imparato tantissimo e sono stato fortunato e contento di aver lavorato con lui”.

Il centrocampo della Juventus: “La squadra è costruita bene, quando arrivammo Conte voleva giocare con il 4-2-4 che poi si trasformò nel 3-5-2 che ha regalato tante soddisfazioni”.

Finale di Coppa Italia: “Sarà una partita apertissima ed entrambe hanno la possibilità di vincere. La Juventus ha una rosa più ampia, ma Gattuso sta facendo un ottimo lavoro e ha già battuto i bianconeri in campionato. Gli azzurri hanno grande aggressività ed ottima qualità tecnica”.

Dybala-Ronaldo: “Purtroppo non li alleno e solo Sarri sa se i due giocatori possono coesistere. Da fuori è semplice parlare ma se ha fatto quelle dichiarazioni ci sarà un fondamento”.

Atalanta da Champions: “Non è semplice vincere la Champions, ci sono squadre forti e con qualità. Bisogna avere una rosa importante per arrivare alla fine con tutti i giocatori integri. Possono diventare ancora più forti ma per arrivare a grandi obiettivi devono allargare la rosa”.

Le Final Eight di Lisbona: “La Juventus deve arrivare a quell’appuntamento nella giusta condizione fisica, c’è bisogno di bravura da parte di Sarri ma anche di fortuna. Ci possono essere tante sorprese”.

L’avventura in Grecia: “L’obiettivo è quello di cercare di raggiungere la Champions League e vincere la coppa nazionale. Vogliamo costruire una squadra per obiettivi anche a lungo termine e per riportarla al top”.

Articolo precedenteJuventus Buffon: “Sono sempre al top, questa ripresa ha un valore sociale”
Articolo successivoRoma Schick, il Lipsia non riscatta il ceco: il futuro del calciatore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui