Manuel Belleri: “In Giappone situazione difficile, quel video sull’Avigan messaggio pericoloso. Su Lotito…” – ESCLUSIVA EC

Manuel Belleri: “In Giappone situazione difficile, quel video sull’Avigan messaggio pericoloso. Su Lotito…” – ESCLUSIVA EC

MANUEL BELLERI – Da circa cinque anni la sua vita prosegue in Giappone, dove lavora in qualità di direttore tecnico della Milan Academy di Tokyo. Stiamo parlando di Manuel Belleri.

Lunga è stata la sua carriera da terzino destro, che lo ha visto giocare in Serie A con le maglie di Empoli, Udinese, Lazio, Atalanta e Bologna. A dicembre 2013 ha appeso gli scarpini al chiodo una volta concluso il biennio alla Spal nella vecchia Prima Divisione. Poi l’esperienza con il club rossonero.

MANUEL BELLERI – Contattato in esclusiva da “Europa Calcio“, l’ex calciatore, 42 anni, ha parlato della situazione nel paese del Sol Levante relativa al coronavirus. Senza dimenticare le inevitabili difficoltà del calcio italiano legate a questo momento.

Così esordisce: “Vivo a Tokyo da cinque anni e lavoro per il Milan. Al momento c’è una situazione non molto bella, con grossi problemi. Anche qui c’è il lockdown ma è un po’ più soft di quello italiano, perché è vero che dobbiamo portare anche noi guanti e mascherine, ma possiamo uscire e muoverci liberamente. 

La verità è che con il discorso delle Olimpiadi hanno cercato di resistere in tutti i modi, tenendo bassi i numeri ufficiali dei contagi, e facendo pochi test e pochi tamponi. Sembrava infatti tutto nella norma“.

Proprio in quel periodo, qui in Italia è girato tantissimo, facendo altrettanto rumore mediatico, un video relativo all’Avigan. Senza farne un discorso scientifico e medico, in Giappone ha avuto lo stesso risalto?

Sì, anche qui hanno visto in molti quel video, ed è stato un qualcosa di violento: ha dato una percezione della realtà non vera, in quanto sembrava che in Giappone si stesse bene per via dell’Avigan. E’ stato un messaggio pericoloso anche per noi. Pensa che il mattino seguente, quando mi ero svegliato mi sono ritrovato almeno cinquanta messaggi di amici e conoscenti italiani, e tutti mi chiedevano di comprare e spedirgli quel farmaco. Si percepiva che erano spaventati da ciò che stavano vivendo“.

Lei è a Tokyo da cinque anni. Escludendo questi ultimi mesi, com’è la sua vita nella città del Kanto?

E’ una grandissima esperienza, va molto bene. Quando arrivai parlavo solo italiano, ora invece anche inglese e un po’ di giapponese. Avevo vicino una persona che mi faceva da traduttore, poi è andato da Fernando Torres e adesso è il traduttore di Ibarbo. E’ un’esperienza che mi sta formando molto, e sto imparando una cultura diversa. Oltre che lavorare per la Milan Academy, faccio lezioni di calcio private ai bambini dai 9 ai 12 anni“.

Segue la J1 League?

Certamente. Non ha nulla a che vedere con la Serie A, ma il livello è buono. Negli stadi l’atmosfera è molto positiva, non esiste la contestazione dei tifosi. Ad averlo saputo prima, avrei chiuso volentieri qui la carriera da giocatore“.

Quanto al campionato nostrano, la gente è molto divisa su quando eventualmente riprendere. Lei cosa pensa?

Per prima cosa, ma come già hanno detto tanti, la salute è fondamentale e viene prima di tutto. Ma nello stesso tempo anche il mondo economico deve ricominciare. Bisogna però cambiare i modi di lavorare. E’ vero che ora il trend è molto migliorato, ma finché non c’è un vaccino e nemmeno una cura per il coronavirus, il rischio rimane. E a settembre, quando farà meno caldo, il problema potrebbe riproporsi. Con un solo giocatore infetto si fermerebbe tutto di nuovo. Si dovrebbe ricominciare intanto a porte chiuse, e utilizzando appunto metodi diversi, anzitutto isolando i giocatori, non più in gruppo in spogliatoi e docce singole. E’ bene pensarci“.

Se si dovesse riprendere, per quale squadra farebbe il tifo?

Io sono un grande tifoso del Milan, ma purtroppo già prima dello stop era ampiamente fuori dalla lotta scudetto. Sosterrò la Lazio del mio amico Simone Inzaghi, mi piace tantissimo il suo calcio“.

A proposito di Lazio. Legato al discorso di prima, si è fatto un’idea sulle frequenti dichiarazioni, spesso pungenti, di Lotito e Diaconale?

Ho seguito tutto a distanza. Conosco Lotito perché è stato il mio presidente. Ha una visione molto futuristica delle cose, e infatti molte cose che ha detto in passato sono poi accadute realmente. La sua comunicazione è, passami il termine, molto “feroce”. Ma in realtà nella sua mente c’è quello che ho detto poco fa: lui sta già pensando a come ripartire, e con le dovute precauzioni“.

C’è qualcosa che vorrebbe aggiungere o che si sarebbe voluto sentire chiedere?

Dico che sono mesi di grande difficoltà, seguo cosa sta accadendo in Italia con un grande dolore al cuore. E’ qualcosa di tremendo. I miei genitori e la mia ragazza hanno il coronavirus. Mio padre ha avuto la polmonite. Ora stanno tutti meglio, la febbre è andata via, ma non sentono ancora odori e sapori. Siamo stati comunque fortunati rispetto a tante altre persone. Dobbiamo essere tutti forti e responsabili“.

 

RIPRODUZIONE RISERVATA – La riproduzione dell’articolo è consentita previa citazione della fonte EUROPACALCIO.

Resta aggiornato. Ti invieremo una mail solo per le novità


Non ti preoccupare niente SPAM , lo odiamo quanto te.


Warning: count(): Parameter must be an array or an object that implements Countable in /home/europac3/public_html/wp-content/themes/trendyblog-theme/includes/single/post-tags-categories.php on line 7

About author

0 Comments

No Comments Yet!

You can be first to comment this post!

Leave a Reply