Lunga intervista di Luis Alberto che su AS ha parlato dell’Europeo nella giornata di Spagna-Italia. Inevitabile un ricordo degli anni con la Lazio:

Era il momento di andare via, la scorsa estate ero già vicino a lasciare e questa non è stata buona in nessun aspetto. Dopo le dimissioni di Sarri, tutto è peggiorato e il mio rapporto con il presidente non era dei migliori. Mi sono reso conto che il ciclo era terminato e dovevo cercare un’uscita. Ci sono state delle chiamate e interessi in Europa ma non si è concretizzato nulla. Non è stato il miglior finale possibile, lascio molti amici e affetto in quella che considero la mia seconda casa“.

Euro 2024, la favorita:Soprattutto la Germania, fa grande calcio dal centrocampo e poi c’è Kroos che ha dato un plus impressionante. Rischiano in difesa ma davanti con Musiala e Wirtz creano molti pericoli“.

Sulla Spagna: “Il migliore per me è stato Fabián; iniziare vincendo toglie un grande peso, spero in una Nazionale con più possesso. Peccato non avere Isco“.

L’Italia: Devi sempre temerla, sarà dura perché hanno giocatori di gamba e gran corsa, credo però che la Spagna sia un po’ più favorita ma devi dimostrarlo. L’Italia ha una grande passione per il calcio e per loro è stata una gran delusione restare fuori dal Mondiale per la seconda volta consecutiva; credo che si qualificheranno per gli ottavi, vedo la Spagna con più possibilità. Non ha un Messi, Cristiano o un Mbappé; Barella dà tanto a tutti i livelli e gestisce bene i tempi ma Modric è solo uno, Chiesa è quello che rompe più gli equilibri e sorprendere in qualsiasi momento. Jorginho? E’ diverso da Rodri che è uno dei migliori centrocampisti al mondo, controlla la gara però non occupa tanto campo come lui ed è meno offensivo”.

Sulla giovane difesa azzurra:Bastoni ha esperienza, a Calafiori piace uscire tenendo palla e può anche commettere errori, non sono Bonucci o Chiellini“.

OLTRE A “LUIS ALBERTO DALLA SPAGNA…“, LEGGI, AD ESEMPIO:

    1. Allenatore Verona, Zanetti è ufficiale: ritorno in Veneto per il valdagnese
    2. Ranieri: “Cagliari impresa insostituibile, restano i tifosi. La Nazionale…”
    3. Udinese, Pozzo autocritico: “Anno particolare, ho avuto paura, il progetto non era questo”
    4. Verona, Sogliano: “Ritorno grande soddisfazione, uniti nelle difficoltà. Baroni, Ngonge, il mercato belga e olandese…”
    5. Verona, Setti: “Senza rivoluzione nessuna salvezza, viviamo di plusvalenze”
    6. Ranieri: “Cagliari, chiuso un cerchio, forse una Nazionale in futuro. Atalanta meravigliosa”
    7. Finale Conference League, Fiorentina sconfitta al 115′. Italiano: “Fatto il massimo, manca la malizia”
    8. Finale Europa League, Atalanta batte Leverkusen: Lookman eroe della notte
    9. Salvezza Verona, capolavoro Baroni dopo Ranieri: Suslov-Folorunsho per l’aritmetica contro la Salernitana
    10. Premier League, Man City ancora campione: è il quarto di fila. Tutti i verdetti
    11. Salvezza Cagliari, Giulini: “Primo pensiero a Gigi, grazie Ranieri e tifosi”
    12. Sassuolo-Cagliari 0-2, è salvezza: Prati sblocca e Lapadula chiude affondando i neroverdi
    13. Inter, Inzaghi premiato a Piacenza: “Migliorarsi non sarà semplice, società forte”
    14. D’Aversa: “Lecce, chiedo ancora scusa, grazie Gotti. Felice per la meritata salvezza”
    15. Inter, Bastoni: “Sento di ripagare questo affetto, ancora fame. Inzaghi, Sommer, Thuram…”
    16. Parma promosso in Serie A: Pecchia può festeggiare
    17. Bundesliga, Bayer Leverkusen campione: rotta l’egemonia Bayern
    18. Verona, Sogliano: “Lotta fino alla fine, giovani con voglia ed entusiasmo, linea ben precisa. Ngonge, Manolas…”
    19. Barcellona, Xavi: “Lavoro non apprezzato nel quotidiano”. Al successore: “Divertiti, impossibile”
    20. Panchina d’oro, Spalletti: “Evoluzione continua, spero possano vincerla anche tanti altri bravi”
    21. Morte Gigi Riva: lutto per la Sardegna e per il calcio italiano
    22. Cagliari, Luvumbo dev’essere una risorsa e non  una soluzione
    23. Nizza, Farioli si racconta ad Euro Show
Articolo precedenteKean, valigia pronta per una nuova avventura: Bologna, Fiorentina oppure…
Articolo successivoSpagna-Italia 1-0: Azzurri notte da incubo, dominio Furie Rosse

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui