[df-subtitle]Il giocatore dell’Atletico Madrid svela una difficile situazione familiare [/df-subtitle]

Il erzino dell’ Atletico Madrid e della nazionale francese, Lucas Hernandez, ha rilasciato un’intervista a Le Parisien in cui rivela il rapporto che lui e suo fratello Theo, giocatore del Real Sociedad in prestito dal Real Madrid, hanno avuto con il padre , l’ex-calciatore del Rayo e dell’Atletico Madrid, Jean François Hernández.

Non abbiamo sue notizie da 13 anni, neanche dopo aver vinto il Mondiale. Oggi che sono padre io, sono ancora più cosciente del disastro che ha fatto, ha fallito come padre. Se dovessi incontrarlo, gli parlerei, però io non posso immaginare di rinunciare a mio figlio. Non lo farei per niente al mondo, se dovessi dormire sotto un ponte per la sua felicità lo farei senza dubbio”.

Il giocatore ha rivolto parole molto profonde alla madre Py e al fratello Theo:

Le devo tutto, è quella che ha cresciuto me e mio fratello, da sola. Ci ha permesso di giocare a calcio lavorando tutto il giorno, non so quante ore, quello che sono oggi è grazie a lei”.

E lui stesso ha dato una grossa mano a Theo, “ma non come un padre, l’ho protetto come ogni fratello maggiore. Quando lui aveva bisogno, io c’ero sempre. C’è sempre stata una grande complicità tra noi, era il mio migliore amico oltre che fratello e anche oggi i nostri rapporti sono molto stretti“.

Parla anche della sua infanzia vissuta in Spagna cosa per cui lo rende molto attaccato a quella terra:

La Spagna mi ha dato tutto, ci sono cresciuto, ci vivo, mia moglie Amelia è spagnola e mio figlio ci è nato. Addirittura parlo meglio lo spagnolo del francese. Però amo la Francia, tutto il resto della mia famiglia vive lì. Io ho due Paesi: quando viaggio in Francia, mi sento francese e quando sono in Spagna mi sento spagnolo“.

 

 

 

Articolo precedenteJuventus, Chiellini a FIFpro: ” A 20 anni sei indistruttibile, a 35 la carriera finisce “
Articolo successivoBarcellona, Vidal condannato a pagare una multa da 800mila euro per rissa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui