spot_img
HomeSerieAJuventusLocatelli su Chiesa: "la Juve deve tenerselo stretto. Zidane..."

Locatelli su Chiesa: “la Juve deve tenerselo stretto. Zidane…”

-

Locatelli su Chiesa – Manuel Locatelli, centrocampista della Juventus, ha risposto alle domande dei piccoli tifosi bianconeri durante l’appuntamento “Junior Report” su Twitch. I temi toccati dall’ex giocatore del Sassuolo sono stati molteplici: dal sogno di vestire la maglia juventina, alla vittoria dell’ Europeo fino al rapporto con alcuni suoi compagni di squadra.

Locatelli su Chiesa – Ecco le sue parole:

“Giocare a calcio, indossare la maglia della Juve e della Nazionale era il mio sogno da bambino. Grazie a Dio sono riuscito a fare tutte e due le cose. Il percorso è stato lungo. Sono molto emozionato a vedere bambini come voi. Coltivate i vostri sogni. Magari un giorno li realizzerete. 

Il ricordo più bello è quando ho vinto l’Europeo. Era un sogno che non mi ero nemmeno prefissato nella mia testa. Abbiamo fattola storia. Poi ci sono stati tanti altri momenti importanti: la firma con la Juve, l’esordio in Serie A in un Milan-Carpi. Non li dimenticherò mai”.

Spazio anche per tante curiosità e risate: Cuadrado è fastidioso, rumoroso. Nello spogliatoio si fanno sentire anche Kean e Pogba. Giocare con Di Maria è qualcosa di unico. Ci giocavo alla play, ammiro le sue qualità umane. Ci siamo conosciuti bene in America. Credo sia una persona stupenda e questa è la sua qualità migliore. Mi ispiro a Pirlo, ma ho avuto già modo di parlarne. Nedved è un esempio, è stato un grande così come Marchisio lo stesso. Non vedo l’ora che torni Pogba per imparare da lui. Avrei voluto affrontare Zidane, era incredibile”.

Locatelli su Chiesa: Federico è un grandissimo giocatore, lo conosco da tantissimo. Un potenziale campione. Spero rientri al meglio dal suo infortunio e dagli acciacchi che sta avendo. La Juve dovrà tenerselo stretto”.

Attuali ed ex compagni di squadra: “Quando Ronaldo è arrivato in Italia è stato un colpo incredibile. Il primo gol l’ha fatto contro i noi quando giocavo al Sassuolo e non ero felice, poteva farlo quella dopo, ma avere in squadra una leggenda del calcio è stato bello”.

 

LEGGI ANCHE:

  1. Everton, Lampard esonerato: Toffies in fondo alla classifica
  2. Cagliari, Ranieri: “Tutti mi aspettavano, abbandonato l’egoismo e paura di rovinare”
  3. Atalanta, Percassi: “Continuiamo ad investire su stadio, squadra e giovani”
  4. Jorginho: “Dura senza Mondiale ma che finale. Sorpreso dal Newcastle, non dall’Arsenal. Potter…”
  5. Verona, Setti-Sogliano-Marroccu: “Insieme per il bene Hellas, cerchiamo impresa”
  6. Verona, Sogliano ritorna in dirigenza: ufficiale
  7. Juventus, Agnelli: “Problema collettivo, Allegri resta fino alla fine”
  8. Festival dello Sport, Batistuta e Zanetti in famiglia tra Serie A e Argentina
  9. Festival dello Sport, Zeman: “Nessun rimpianto, contento se si gioca bene e si fa emozionare”
  10. Ranocchia, messaggio di addio: “Spenta la passione, ricevuto e spero dato”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Thiago Motta

Genoa – Bologna, Thiago Motta: “Poco conta il motivo per cui...

0
GENOA BOLOGNA THIAGO MOTTA  Troppo forte questo Genoa per il Bologna: finisce due a zero con un gol per tempo, Malinovskyi e poi Vitinha. GENOA...