Intervistato dai canali ufficiali della UEFA, Rafael Leao, attaccante del Milan, ha parlato del suo arrivo in Italia e delle annate fin qui vissute in rossonero. La scorsa stagione è stata la definitiva consacrazione per l’ex Lille, con il titolo di miglior giocatore della Serie A. Eppure, come ammesso dallo stesso Leao, gli inizi non sono stati semplici.

LEAO: “NON POTEVO DIRE DI NO AL MILAN, IL CLUB HA CREDUTO IN ME”

Queste le sue parole: “Ho lasciato lo Sporting a 19 anni e sono rimasto al Lille per una sola stagione. Quando il Milan mi ha contattato è stata una gioia. Ero felice, ma anche in ansia perché da un momento all’altro uno dei più grandi club d’Europa mi voleva. Non potevo dire di no. Ma arrivare in un nuovo club a 19 anni non è facile. Mi sembrava di non poter gestire la pressione, non riuscivo a rispondere positivamente in campo. Non potevo perdere l’occasione di dimostrare quello che valevo, il club non aveva intenzione di vendermi. Credeva in me. Quel voto di fiducia mi ha aiutato a crescere e a migliorare. Oggi sento di essere una risorsa preziosa per la squadra e per il club, in campo posso aiutare i compagni”.

 

LEGGI ANCHE:

Articolo precedentePirlo è già in discussione: derby perso e 14esimo posto in classifica
Articolo successivoMessi al Barcellona, il grande annuncio: “L’anno prossimo, torna”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui