Claudio Lotito, Presidente della Lazio, ha espresso un commento sulla contestazione indetta da alcuni sostenitori del club nei suoi confronti

Foto di Stefano D’Offizi

Una questione annosa, che ormai si ripete, quasi ciclicamente, da venti lunghissimi anni, in un rapporto costellato da molti momenti alti e tantissimi bassi, a dire il vero. Proprio nel luogo in cui Claudio Lotito, Presidente della Lazio, avrebbe intenzione di donare al suo club un nuovo impianto che possa portare il sodalizio biancoceleste lontano dall’Olimpico, vale a dire lo stadio Flaminio, migliaia di tifosi della squadra si sono riversati per partecipare a un corteo di forte contestazione nei confronti dell’operato del patron. Non ancora ufficiale il numero delle persone presenti con vessilli, bandiere, striscione a sostegno della squadra, ma nettamente contro lo stesso Lotito, ma erano i migliaia: probabilmente, più dei cinquemila annunciati.

La protesta si è estesa a diversa zone della capitale passando anche per Ponte Milvio, nel corso della quale i supporters hanno esternato il proprio dissenso per la deludente annata e le conseguenti vicissitudini che hanno condotto Igor Tudor ad abbandonare la sponda biancoceleste di Roma. Non solo: i tifosi non avrebbero digerito gli addii dei vari Felipe Anderson, Kamada e Luis Alberto, le cui partenze, se non adeguatamente sostituite sul mercato, andrebbero a indebolire una squadra che ha centrato la qualificazione alla prossima edizione dell’Europa League.

Qualche bomba carta, qualche disagio creato al traffico ma, soprattutto, tanta rabbia nei riguardi di una gestione in cui tantissimi tifosi faticano ad identificarsi. Intervenuto in merito, ai taccuini de Il Messaggero, il patron ha commentato minimizzando sull’accaduto: “Sono sempre i soliti a contestarmi, non m’ interessa proprio nulla”. Un rapporto complicato, mai definitivamente sbocciato.

Oltre all’articolo: “Lazio, Lotito minimizza sulla contestazione dei tifosi: “Sono i soliti…”, leggi anche:

Articolo precedenteDe Ketelaere, il riscatto dell’Atalanta è ufficiale: il comunicato del club
Articolo successivoMilan, Theo Hernandez: “Futuro? Vedremo più avanti. Ora…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui