Intervenuto in diretta Instagram, Lucas Leiva, centrocampista brasiliano della Lazio, ha raccontato come sta vivendo la quarantena forzata: “C’è apprensione e tristezza nel vedere tanta gente che sta morendo.  – ha detto – Si soffre, è vero, ma allo stesso tempo ci sono anche tanti episodi di solidarietà e collaborazione. Mia moglie e i miei figli sono andati in Brasile quando qui in Italia la situazione è peggiorata. Ma tempo una settimana e anche lì è iniziata la quarantena. Per questo hanno approfittato di alcuni voli disponibili per tornare e fare il periodo di isolamento qui a Roma con me.”

Lucas Leiva: “Per un momento ho pensato anche io di andare in Brasile, ma non ho avuto l’autorizzazione del club”

Ha poi raccontato di come il club non gli abbia dato la possibilità di tornare nel suo Paese natale: “Per un momento ho pensato anche io di andare in Brasile, ma non ho avuto l’autorizzazione del club. Una volta tornato, avrei dovuto fare due settimane di quarantena forzata a casa. Tutti noi giocatori abbiamo deciso così di rimanere qui in Italia e nessuno è stato autorizzato a lasciare il Paese. L’isolamento sta durando più di quanto immaginato. Il mio pensiero era rivolto alla mia famiglia, pensavo che in Brasile fosse più sicuro per loro. Qui in Italia la situazione è veramente grave. Ma alla fine meglio passare la quarantena qui tutti insieme.”

Lazio Leiva: “Ripresa? Prendere una decisione ora è molto difficile, spero venga intrapresa la strada migliore per tutti”

Infine, un pensiero sulla possibile ripresa del campionato: “All’inizio, in Italia come in altre parti del mondo, tutti pensavano che il virus fosse solo una forma più intensa di raffreddore. Ora si sta parlando di come e quando riprendere il campionato. Ognuno la pensa in modo diverso. Come succede in Brasile, anche qui molti chiedono che l’isolamento termini per riprendere a lavorare in alcuni settori. Allo stesso tempo però, ci sono molte persone che temono che terminando la quarantena possano risalire i contagi. Prendere una decisione ora è molto difficile, spero venga intrapresa la strada migliore per tutti, per le nostre famiglie anche se è impossibile accontentare tutti. Dobbiamo imparare molto da questa quarantena.”

Articolo precedenteAlejnikov: “A Dybala manca poco per esplodere definitivamente. Juventus mio primo amore”
Articolo successivoLippi: “De Rossi avrà successo. Non alleno più. Ora riprendiamo il campionato”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui