Kamada, centrocampista prelevato dalla Lazio a parametro zero nel corso della sessione estiva 2023, sarebbe a un passo dal rinnovo

Foto di Stefano D’Offizi

C’è una data ben definita, nel percorso di Daichi Kamada a Roma, sponda biancoceleste, che ha letteralmente stravolto il futuro del centrocampista alla Lazio. Il 30 marzo, giorno della gara casalinga tra aquilotti e l’ex squadra di Igor Tudor, la Juventus, rappresenta l’effettiva rinascita di un calciatore che, sotto la gestione Sarri, sembrava già dover archiviare la propria storia con il club. Da quegli ottanta minuti disputati contro i bianconeri, Kamada ha ripreso il proprio posto tra i titolari senza lasciarlo più.

La nuova impostazione tattica delineata dal tecnico croato, prevede l’inserimento di un quinto centrocampista che abbini qualità tecnica al dinamismo e alla quantità, ha notevolmente giovato alle caratteristiche del classe 1996. Doti, quelle del ventottenne centrocampista, che hanno fatto registrare nove partite da titolare consecutive, cinque delle quali Kamada è stato impiegato per tutti e novanta i minuti regolamentari.

A impreziosire un finale di stagione da incorniciare, anche la rete realizzata a San Siro, contro l’Inter, nel corso della penultima giornata di Serie A. La nuova vita biancoceleste del mediano giapponese starebbe creando tutti i presupposti per il rinnovo annuale del contratto in scadenza al 30 giugno. Stando a quanto riportato da Matteo Moretto, infatti, gli agenti dell’ex centrocampista dell’ Eintracht Francoforte sono sbarcati a Roma per definire l’estensione contrattuale, su base annuale, con ingaggio leggermente superiore ai 3 milioni di euro. Il nuovo accordo, inoltre, rientrebbe nei benefici fiscali propri del Decreto Crescita, il che consentirà alla Lazio di risparmiare sul lordo dell’ingaggio elargito a Daichi Kamada.

Oltre all’articolo: “Lazio, la rinascita di Kamada passa da Tudor: rinnovo annuale a un passo”, leggi anche:

  1. Mercato Milan, Ouèdraogo sfuma: per la mediana, l’idea sempre in auge è Fofana
  2. Maignan, lo scettro da leader e il rinnovo contrattuale: un’estate da Magic
Articolo precedenteGudmundsson, che guaio: dovrà comparire in Tribunale per evitare il carcere
Articolo successivoDi Lorenzo, sgarbo al Napoli? La Juventus osserva

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui