La Lazio di Maurizio Sarri vince e convince al Mapei Stadium con una netta vittoria per 2 reti a 0 nell’anticipo contro il Sassuolo

Dall’inviato Anthony Ferrara – Lazio formato Champions League; Sassuolo brutta copia della squadra ammirata nel mese di settembre. L’anticipo serale della nona giornata del campionato di Serie A si conclude con la nettissima affermazione dei biancocelesti al Mapei Stadium, complici le reti nel primo tempo di Felipe Anderson e Luis Alberto. Basta un solo tempo alla squadra di Sarri per regolare un Sassuolo mai sceso in campo per tutto l’arco della partita, la cui reazione estemporanea non ha prodotto una nitida palla gol degna di nota sin dal primo vantaggio capitolino. Gli aquilotti planano a Reggio Emilia e s’impossessano del gioco sin dal fischio d’inizio, determinati e aggressivi nel pressare alto i neroverdi fin troppo pasticcioni in fase di possesso.

La troppa imprecisione che ha costretto i centrali Ruan Tressoldi (da matita blu i due errori che portano al doppio vantaggio biancoceleste e ne causano la sostituzione a fine primo tempo) e Ferrari a prendere la licenza in impostazione, probabilmente dovuta alla pesantissima assenza di Matheus Henrique in mediana, è costata carissima a Mister Dionisi. La scelta di inserire un mediano molto fisico quale Uros Rucic, poi, calciatore completamente diverso per caratteristiche tecniche e fisiche da Henrique, non ha certamente pagato.

Dall’altra parte del campo, al contrario, i capitolini trovano le distanze sin dai primi minuti, producono palle gol in serie e creano diversi presupposti per incrementare il risultato, con Castellanos pienamente coinvolto nel gioco di Sarri. Il netto predominio tecnico della Lazio si concretizza al minuto 28, quando un’errata uscita palla di Tressoldi porta al meritato vantaggio fissato Felipe Anderson. La partita si chiude, di fatto, già al minuto 36: un secondo grave errore della retroguardia neroverde, unita ad una mancata respinta di Boloca, consente a Luis Alberto di mandare la palla in buca d’angolo per la rete che pone la pietra tombale al match.

Lazio formato Champions al Mapei: 2-0 ad un Sassuolo impalpabile

La Lazio fa 13, come i punti in classifica, e centra la seconda vittoria consecutiva dopo quella fondamentale ottenuta contro l’Atalanta: con i tre punti conquistati a Reggio Emilia, l’aquila Olimpia certifica le ambizioni d’alta quota della squadra, che si riaffaccia in zona europea in attesa del fondamentale match di Champions League contro il Feyenoord. Per il Sassuolo di Dionisi tornano i fantasmi di inizio stagione: a preoccupare maggiormente, più che i 10 punti in classifica, risulta un gioco ancora troppo discontinuo e caratterizzato da fiammate dei singoli.

Oltre all’articolo: “Lazio formato Champions al Mapei: 2-0 ad un Sassuolo impalpabile”, leggi anche:

  1. Commisso raggiante: “Gli obiettivi della Fiorentina sono chiari”
  2. Paratici-Napoli, possibile accordo malgrado l’inibizione: ecco come
  3. Conte al Napoli, la pista si complica: spunta un altro candidato
  4. Italia, Bonaventura: “Mio padre era orgoglioso della Nazionale, Italiano…”
  5. Bologna, Zirkzee conquista i rossoblù ma ora lasciamo stare Arnautovic
  6. Ufficiale: Wayne Rooney è il nuovo allenatore del Birmingham City
  7. Inter, Pavard: “Qui per la seconda stella”
  8. Juventus, Nicolò Fagioli rischia tre anni di squalifica: i dettagli
  9. Italia, Bonaventura: “Mio padre era orgoglioso della Nazionale, Italiano…”
  10. Bologna, Zirkzee conquista i rossoblù ma ora lasciamo stare Arnautovic
  11. Ufficiale: Wayne Rooney è il nuovo allenatore del Birmingham City
  12. Inter, Pavard: “Qui per la seconda stella”
  13. Juventus, Nicolò Fagioli rischia tre anni di squalifica: i dettagli
  14. Commisso raggiante: “Gli obiettivi della Fiorentina sono chiari”
  15. Paratici-Napoli, possibile accordo malgrado l’inibizione: ecco come
  16. Conte al Napoli, la pista si complica: spunta un altro candidato
  17. Italia, Bonaventura: “Mio padre era orgoglioso della Nazionale, Italiano…”
  18. Bologna, Zirkzee conquista i rossoblù ma ora lasciamo stare Arnautovic
  19. Ufficiale: Wayne Rooney è il nuovo allenatore del Birmingham City
  20. Inter, Pavard: “Qui per la seconda stella”
  21. Juventus, Nicolò Fagioli rischia tre anni di squalifica: i dettagli
  22. Italia, Bonaventura: “Mio padre era orgoglioso della Nazionale, Italiano…”
Articolo precedenteSassuolo-Lazio, LIVE Mapei Stadium: le formazioni ufficiali
Articolo successivoThe Sun: Graham Potter aspetta il Napoli… ma anche lo United!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui