spot_img
HomeSerieANapoliKvaratskhelia a Gt e Crocobet: "A Napoli si vive di calcio. Sulle...

Kvaratskhelia a Gt e Crocobet: “A Napoli si vive di calcio. Sulle mie esultanze…”

-

KVARATSKHELIA GT E CROCOBET – Intervistato da “Gt e Crocobet“, Khvicha Kvaratskhelia ripercorre questi suoi primi mesi a Napoli, di cui è diventato un vero e proprio idolo.

Così il fantasista georgiano: “I tifosi mi mostrano tanto affetto e quando mi incontrano mi chiedono le foto. Tutto l’amore che sento devo restituirlo quando gioco. È una grande responsabilità. Qui a Napoli tutti vivono di calcio. L’unico problema è che ancora non ho imparato l’Italiano, dopo gli allenamenti spesso non si hanno le capacità e le forze, ma quando posso seguo delle lezioni online“.

KVARATSKHELIA GT E CROCOBET

KVARATSKHELIA GT E CROCOBET – Continua: “Spalletti è una brava persona e un grande allenatore. Anche i miei compagni sono forti, la nostra squadra è una grande famiglia, c’è una bella atmosfera in squadra. Giocare al Napoli e allo stadio ‘Maradona’ significa molto per me. La prima volta che scesi in campo in questo stadio provai una grandissima emozione. Essere qui mi rende un calciatore a tutti gli effetti“.

Di seguito: “Le mie esultanze? Le mani dietro le orecchie sono per i commenti negativi che vengono detti su di me, spesso sono assurdi e mi danno la motivazione a fare molto di più. Le mani sulla guancia sono un segno tipico del giocatore di basket Steph Curry, la gente pensava che la sua squadra non avesse chance di vincere il titolo: parlavano di lui, del titolo, facevano questo gesto per dirgli che stesse dormendo“.

 

LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Intervista Barella: “Crediamo allo Scudetto. Nel 2026 sarò all’Inter”

0
Nicolò Barella, centrocampista dell'Inter e della Nazionale, ha concesso un'intervista a "La Gazzetta dello Sport". L'ex Cagliari ha parlato degli obiettivi dei nerazzurri nella...