Daichi Kamada, centrocampista rilevato dalla Lazio mediante la formula a parametro zero, ha steccato anche contro il Genoa: a fine stagione…

Durante le prime fasi della Coppa Italia, notoriamente, le varie squadre tentano di recuperare quei calciatori apparsi sottotono o comunque in cerca della forma migliore per presentarsi tirati a lucido in vista degli appuntamenti più importanti della stagione. La lente d’ingrandimento dei vari tecnici, di fatto, si sofferma su quegli elementi apparsi in difficoltà, quasi fosse un esame per testarne l’affidabilità per gli impegni più probanti. In casa Lazio, Daichi Kamada è stato bocciato su tutta la linea, o quasi.

Eccezion fatta per un bellissimo servizio in verticale per Ciro Immobile, la cui battuta a rete non ha tuttavia concesso ai capitolini di raddoppiare il vantaggio iniziale firmato Guendouzi, il giapponese è apparso quasi un corpo avulso per larghi tratti del match. Il ventisettenne, reduce da un inizio confortante, sembra stia perdendo quello smalto che l’aveva reso oggetto dei desideri di mercato di varie squadre, tra le quali il Milan, non solo per la formula con la quale era possibile rilevarne il cartellino, quanto per la splendida stagione registrata all’Eintracht Francoforte, grazie alle sedici reti stagionali.

Kamada, altra prestazione opaca: la Lazio s’interroga sul suo futuro

La decisiva rete realizzata al Maradona, nonché l’assist della gara successiva a Torino, contro la Juventus, avevano fatto presagire tutt’altro inizio rispetto quanto effettivamente dimostrato dal giapponese da lì in avanti. Scalato nelle gerarchie di Sarri a semplice riserva del centrocampo, il mediano non trova la titolarità dal match contro la Salernitana, coincisa, suo malgrado, con una prestazione più che negativa da parte dell’intera squadra.

Nel frattempo, secondo quanto riportato da cittaceleste.it, la società potrebbe interrogarsi in merito al futuro di Kamada, il cui contratto annuale prevede un’opzione unilaterale per altre tre stagioni. Al momento, il rendimento ben al di sotto delle aspettative del giapponese lasciano aperto qualunque prospettiva in vista di giugno, anche un’eventuale cessione.

Articolo precedenteDavid e non solo: un tris per il Milan per rientrare nel gioco Tricolore
Articolo successivoThuram, il nuovo gemello del gol di Lautaro: “L’Inter scelta migliore”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui