Kalulu Milan: il giovane difensore francese si sta confermando ad altissimi livelli anche nel corso di questa stagione

Kalulu sta vivendo una continua crescita di rendimento davvero impressionante. All’inizio del suo percorso sembrava un difensore normalissimo, ma sta dimostrando di meritare la titolarità di questa squadra”.

Dichiarazioni firmate Alessandro Nesta, dall’alto del proprio palmarès e della propria classe, che l’hanno reso uno dei difensori più forti di tutti i tempi. L’ex numero 13 di Milan e Lazio, ha espresso a Dazn un parere in merito alla crescita esponenziale delle prestazioni fornite da Pierre Kalulu sin dal suo sbarco a Milanello.

Investitura niente male per un ragazzo classe 2000 con ampi margini di crescita, nonostante un bagaglio ricco di qualità e esperienza, con ben settantaquattro presenze già accumulate in maglia rossonera.

Pierre Kalulu si sta confermando pedina imprescindibile nello scacchiere di Pioli e, complice l’emergenza infortuni che ha colpito la fascia destra del Milan sin dagli albori di questa nuova stagione, sta diligentemente occupando anche quella
porzione di campo.
Il giovane difensore ha il merito di aver contribuito a erigere un muro quasi invalicabile nella seconda parte di stagione dello scorso anno, con soli otto gol subiti dal Milan nel girone di ritorno. Un dato, quest’ultimo, che ha costituito le fondamenta dello Scudetto numero 19 del Diavolo.
L’ex difensore del Lione, strappato ai transalpini addirittura a parametro zero e giunto a Milanello quasi nell’anonimato, può essere considerato caposaldo della filosofia creata dalla dirigenza sotto l’egemonia americana del fondo Elliott. Una politica costituita da acquisti mirati, a costi contenuti. Rendimento e duttilità che, certamente, non stanno passando inosservati ai radar delle maggiori potenze europee. Ragion per cui, il Diavolo sarà chiamato a blindare uno dei suoi più importanti discepoli.

Kalulu Milan: un rinnovo da non sottovalutare

Il rinnovo di Pierre Kalulu, il cui contratto scadrà comunque non prima nel 2025, può essere considerato importante tanto quanto trattative ben più mediatiche riguardanti Bennacer e Rafael Leao. Un rinnovo per porre ulteriori basi utili per continuare a costruire un impero fatto di vittorie e affermazioni a tinte rossonere.
Articolo precedenteNapoli su Baldanzi e Samardzic: piacciono i due giovani talenti
Articolo successivoDebiti Serie A, assist inaspettato dal Governo: rabbia viola

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui