Juventus Barcellona Pjanic – Miralem Pjanic è sicuramente l’ex di lusso del big match di stasera tra Juventus e Barcellona. L’ultima volta che ha calpestato l’erba dell’Allianz Stadium, fu in occasione dell’amara serata di Champions League contro il Lione, quando la Juventus fu eliminata.

Il bosniaco, come riporta La Gazzetta Dello Sport ha parlato alla vigilia di questa sfida che, naturalmente, per lui ha un sapore particolare dopo 4 stagioni in maglia bianconera coronate da grandi vittorie e soddisfazioni.

Juventus Barcellona Pjanic – Ecco le sue dichiarazioni:

“Sono molto felice di essere qui, dove ho passato 4 anni buoni, però so che ci aspetta una partita molto difficile, contro un avversario forte che vuole arrivare primo nel girone come noi. Conosco bene che mentalità c’è qui”.

“Mi sto ambientando, sono arrivato dopo perché ho avuto il Covid, però sto bene e spero di aiutare la squadra. Posso dare tanto, m’importa principalmente che la squadra faccia un buon percorso nella Liga e in Champions. Ci vuole tempo per adattarmi, ma sono convinto di poter fare grandi cose. Spero di dare il meglio per i tifosi del Barcellona. Qui c’è competizione come in ogni club, è normale. Io, De Jong e Busquets possiamo giocare insieme, però deve decidere il mister. Griezmann è un grande giocatore e sono sicuro che farà bene nelle prossime partite. Essendo un attaccante ha bisogno di fare un gol per prendere fiducia”.

Pjanic ha poi parlato di Ronaldo e Messi, e del privilegio che ha avuto a poter giocare con entrambi:

“Mi aspetto una partita molto difficile, sarà dura portare via punti da Torino. Con Messi abbiamo chiacchierato di calcio, degli anni che ho passato qui, della storia della Juve. Posso dire solo bene di questo club, ma lui è bene informato, sa già tutto. Mi sarebbe piaciuto essere allenato da Pirlo, ma ho accettato una buona sfida, è bello rimettersi in discussione e ripartire da zero. Dalla nuova Juve forse ci si aspettava qualcosa in più, ma all’inizio si hanno sempre un po’ di difficoltà. Ci vuole tempo. Avere avuto l’opportunità di giocare con Messi e Ronaldo è una cosa eccezionale per la mia carriera. Ai miei nipoti racconterò di aver giocato con i più forti di tutti i tempi. Messi dal vivo è un extraterrestre. Speriamo che domani faccia una grande partita”.

Articolo precedenteAtalanta-Ajax, Gasperini nel post: “Non facile a queste velocità, rimonta grande merito”
Articolo successivoRoma, Fonseca: “Cska forte fisicamente, dobbiamo migliorare in difesa. Smalling…”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui