spot_img
HomeSerieAJuventusJuventus: arrestati 12 ultras

Juventus: arrestati 12 ultras

-

JUVENTUS ULTRAS – Come riportato stamattina da tutte le maggiori testate giornalistiche italiane sono stati arrestati dodici ultras della curva della Juventus. Risultati che arrivano nell’ambito di un’indagine coordinata dalla procura di Torino. Le accuse vanno da associazione a delinquere, a estorsione aggravata, da autoriciclaggio a violenza privata.

L’operazione, denominata “Last Banner”, è partita nella notte. È stata portata avanti fino alle prime ore dell’alba dal GCO (Gruppo Criminalità Organizzata) della Procura della Repubblica di Torino. Il blitz ha portato al momento a dodici misure cautelari nei confronti dei così detti capi; e principali referenti di diversi gruppi organizzati e frequentanti la curva della Juventus.

Si tratta di personaggi di spicco dei gruppi quali “Drughi”, “Tradizione”,” Viking”, “Nucleo 1985” e “Quelli di via Filadelfia”. Tutti indagati per associazione a delinquere.

In queste ore, sempre come riportato dai giornali italiani, sono in corso in tutta Italia altre perquisizioni; con la collaborazione delle DIGOS di Alessandria, Asti, Como, Savona, Milano, Genova, Pescara, La Spezia, L’Aquila, Firenze, Mantova, Monza, Bergamo e Biella.

[df-subtitle]JUVENTUS ULTRAS[/df-subtitle]

Come riportato dalla Gazzetta dello Sport l’operazione è partita da una denuncia da parte proprio del club bianconero: “Tra gli arrestati lo storico leader della curva bianconera e capo assoluto dei Drughi, Dino Mocciola; era già finito in carcere all’inizio degli anni Novanta per aver ucciso durante una rapina un carabiniere. Sarebbe lui uno dei responsabili delle infiltrazioni della ‘ndrangheta in curva.

In più il suo braccio destro Salvatore Cava, il leader del gruppo Tradizione Umberto Toia, Beppe Franzo, presidente dell’associazione “Quelli di via Filadelfia”. Tutti nomi molto conosciuti e “rispettati” negli ambienti del tifo organizzato bianconero.

L’indagine è collegata alle precedenti della Mobile di Torino che avevano individuato le infiltrazioni ‘ndranghetiste in curva. Tra le minacce dei tifosi al club quella di effettuare cori razzisti durante le partite della scorsa stagione, un modo per provare a ottenere biglietti in numero superiore al consentito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Verona Lazio Serie A

Verona-Lazio, 9a Serie A: cronaca e tabellino [LIVE]

0
Dall'inviato a Verona - Assente l'infortunato Mattia Zaccagni che ha lasciato da pochi mesi il Verona per indossare la maglia della Lazio nella sfida dello...