spot_img
HomeSerieAJuventusJuve, Pjanic applaude Allegri: "ne ha zittiti molti. Agnelli e CR7..."

Juve, Pjanic applaude Allegri: “ne ha zittiti molti. Agnelli e CR7…”

-

Juve, Pjanic applaude Allegri – Miralem Pjanic, ex centrocampista della Juventus attualmente in forza allo Sharjah, ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni di “Tuttosport” nella quale ha, di fatto, parlato del mondo bianconero a 360 gradi: dal suo rapporto con Andrea Agnelli, alla scelta di Cristiano Ronaldo di concludere la carriera in Arabia Saudita fino alla grande risalita in classifica del club juventino che per lui ha un solo grande artefice, ovvero Massimiliano Allegri.

Juve, Pjanic applaude Allegri – Ecco le sue parole:

“Poi ci si accorge che vincere, come dice sempre il mister Allegri, è una cosa straordinaria. Noi sembrava l’avessimo resa un po’ banale… Ho visto praticamente tutte le partite della Juve, io lo sapevo e lo dicevo che sarebbe tornare in alto… Inizialmente i ragazzi hanno vissuto un periodo complicato, ma quando entri in una crisi così, in cui se giochi contro il Psg o l’ultima della Serie A ti sembrano tutti allo stesso livello, è perché la paura e le incertezze entrano nella squadra.

Non riesci ad esprimere quello che vuoi, non è facile uscirne. Ma ho sempre detto che nessuno più di Allegri sarebbe stato in grado di ribaltare questa situazione. E infatti oggi sento molto di meno parlare certe persone… La situazione è più calma, per quel che riguarda il lato sportivo intendo, proprio perché Allegri ha rimesso la Juve sulla buona strada. Alla Juve la pressione arriva davvero da tutte le parti: sei obbligato a vincere, a stare tra i primi. Però Allegri sa entrare nella testa dei giocatori, li mantiene calmi durante la tempesta. Non è per caso se è uno degli allenatori più titolati della storia del calcio italiano: ci sono quelli che vincono e quelli che non vincono.

Lui è molto preparato, conosce l’ambiente. Quest’anno ha impiegato un po’ di tempo, ma è stato anche molto sfortunato con gli infortuni. Eppure non l’ho mai visto lamentarsi. Lui fa con quello che ha a disposizione in quel momento. Ha gestito alla perfezione questa situazione di crisi enorme in un momento in cui c’è stato anche il cambio della dirigenza. Nonostante tutto, oggi vediamo la Juve al secondo posto e questo è un grande merito del gruppo e del mister.

Posso dire che lui è di un’altra categoria perché è talmente sereno nel suo lavoro che, di conseguenza, trasmette serenità anche alla squadra. Ricordo i momenti complicati che avevamo passato noi e ricordo che in quelle fasi le sue parole e quelle dei componenti del suo staff erano sempre giuste. Inoltre, altra cosa molto importante, Allegri riesce a far giocare tutti gli elementi che ha a disposizione, quindi sono pochi quelli che si lamentano e non sono contenti perché non hanno minutaggio.

Quest’anno ancora di più: ha dato spazio a tanti giovani che si stanno meritando il posto perché stanno facendo i risultati e stanno crescendo allo stesso tempo. Se io diventassi il presidente di una squadra, un giorno, vorrei sempre un allenatore come Allegri. Sempre”. 

L’EX PRESIDENTE – “Ho sempre avuto un rapporto molto buono con Andrea Agnelli ed è così ancora oggi. Lo stimo tantissimo: è una persona strepitosa. Sin da quando sono arrivato si è creato un buon feeling anche tra le famiglie: ci ha sempre aiutato, è sempre stato a disposizione per qualsiasi cosa succedesse. Ma è stato anche un presidente molto presente con la squadra e con i giocatori, soprattutto nei momenti più difficili. Faceva sentire la fiducia al gruppo, ci parlava.

Essì perché quando le cose vanno bene sembra tutto facile, ma arrivano anche i periodi in cui le cose girano meno bene e in cui la squadra ha dubbi. in quei frangenti Agnelli ha fatto la differenza. Risultati alla mano, è stato uno dei presidenti più titolati della Juventus. Ha fatto cose straordinarie. Io so quanto ci teneva a vincere e so quale determinazione aveva. Un grande esempio: umile, gran lavoratore. Lo stimo tantissimo. Nessuno gli toglierà mai quello che ha fatto e lui sarà sempre parte della Juventus”. 

CR7 – “Cristiano Ronaldo è andato all’Al-Nassr, un club molto ambizioso. Sono convinto che il Medio Oriente sarà sicuramente il futuro del calcio: ci sono Paesi che hanno tanto da offrire, ma non è ancora uscito fuori tutto il potenziale. Sicuramente il calcio si svilupperà molto anche qua. Per questo dico che non mi ha per nulla sorpreso la scelta di Cristiano: il livello anche in Arabia non è facile come la gente pensa. Credo che la sua scelta porterà una grande crescita del calcio: penso all’immagine di tutto il Paese, penso ai bambini arabi. Tornerò in Italia perché la amo, sono molto affezionato e tornerò presto allo Stadium. Il mercato di gennaio? Non so: per adesso nessuno mi ha chiamato”. 

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Sassuolo-Milan Live Mapei Stadium

Sassuolo-Milan, Live Mapei Stadium: presentazione del match e formazioni

0
Sassuolo-Milan, Live Mapei Stadium: nel dettaglio, presentazione del match e formazioni ufficiali della trentaduesima giornata di Serie A Sassuolo-Milan, trentaduesima giornata: la tappa del Mapei...