Nonostante le recenti conferme da parte di Agnelli e della dirigenza bianconera, il futuro di Massimiliano Allegri potrebbe essere lontano dalla Juventus. Il tecnico toscano potrebbe infatti finire al Paris Saint-Germain.

Così si legge nella versione online de “Il Corriere dello Sport“: “Parigi val bene una messa. E quindi una preghiera da parte di Gregory Tuchel che ha spaccato internamente il Paris Saint-Germain e che è finito sotto la lente di ingrandimento: resta o no? Il dibattito è aperto, non sarà Antero Henrique – il direttore sportivo confermato dopo aver risalito la corrente – a decidere (con tutto il rispetto), piuttosto l’umorale proprietà. Tuchel avrebbe rinnovato fino al 2021, quindi la fiducia c’era o ci sarebbe, ma la situazione è precipitata. E sapete come funziona: certe volte i contratti sono carta straccia, anche se li hai sottoscritti cinque minuti fa. Alla finestra, più o meno timidamente, ci sono Max Allegri e Antonio Conte. C’è un distinguo, cerchiamo di approfondire“.

Di seguito: “Le percentuali che Allegri resti alla Juve oggi sono chiaramente superiori al 50 per cento. Facciamo 75. Ma il 25 ce lo giochiamo. Perché passa attraverso un faccia a faccia con Agnelli sui programmi e si sa bene come funziona: io mi siedo e ti chiedo, non soldi, ma rivisitazione dell’organico. Diciamo la verità: Dybala è il più interessato perché non gli andrebbe di giocare a dieci chilometri dalla porta, pur con l’ammirazione che si deve nei riguardi dell’immenso Ronaldo. E il discorso vale per Douglas Costa. Allegri chiederà (un difensore forte, un centrocampista fortissimo, un attaccante da doppia cifra), compatibilmente con tutto Agnelli dovrebbe concedere. Anche se, nessuno si offenda, all’interno della Juve c’è chi vedrebbe di buon occhio il ritorno di Conte. Vedrebbe o avrebbe visto? Ecco perché la tentazione Psg oggi è una tentazione e basta: se tutto andasse a dama nel famoso vertice, il resto sarebbe fuffa. Le basi esistono. Con o senza rinnovo e tenendo comunque conto che la Juve recente MAI ha affrontato una stagione con il suo condottiero in scadenza. Controindicazione: se ipoteticamente dovessero rompere, la Juve non avrebbe interesse a prendere un altro allenatore tenendo Max sotto contratto a 15 milioni lordi (staff escluso). Non sottovalutiamo questo passaggio, riflettiamoci“.

Articolo precedenteNapoli, De Laurentiis: “Champions ed Europa League vanno abolite.”
Articolo successivoKoulibaly su instagram “Stagione positiva, ma è normale avere dei rimpianti”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui