spot_img
HomeSerieAJuventusJuve, la madre di Rabiot: "Critiche? Non ha nulla da dimostrare. In...

Juve, la madre di Rabiot: “Critiche? Non ha nulla da dimostrare. In Italia…”

-

JUVE MADRE RABIOT – Uno dei giocatori mai particolarmente entrati nel cuore dei tifosi della Juve è Adrien Rabiot. Il centrocampista, arrivato a zero nell’estate 2019, viene spesso preso di mira da pubblico e stampa. La madre e procuratrice del giocatore, Veronique, ha commentato le critiche nei confronti del figlio in un’intervista a Ouest-France.

JUVE, LA MADRE DI RABIOT: “CRITICHE? NON HA NULLA DA DIMOSTRARE. IN ITALIA…”

Queste le sue parole: “Adrien non ha nulla da dimostrare, gioca a calcio ed è la sua passione dentro e fuori dal campo. Quando non gioca vorrebbe avere una vita discreta e non passare il tempo a giustificarsi. In Italia dicono che non è buono, ma a lui non importa giocare tutte le partite. L’obiettivo dei calciatori è raggiungere i livelli massimi, ma non tutti sanno quanti sacrifici ci vogliono e che mente d’acciaio serve per affrontare questa vita. Tutti pensano che sono strapagati, ma non sanno nulla“.

La madre di Rabiot prosegue dicendo: “A mio figlio non hanno mai perdonato niente, già da quando aveva 17 anni è stato sempre criticato. Tutti commettono errori nella vita, a volte si dimentica che i calciatori iniziano da adolescenti e non sono robot. Devono anche diventare uomini e crescere. Tra me e lui c’è un rapporto straordinario, che a volte si divide tra madre e agente. Capita che ci ritroviamo a parlare e gli do consigli come mamma, lui mi parla e a volte si risparmia delle cose che dovrebbe dire alla Véronique agente“.

 

OLTRE A “JUVE MADRE RABIOT” LEGGI ANCHE:

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

Udinese, Deulofeu: “La mia testa è qui, non penso al domani”

0
L'attaccante dell'Udinese Gerard Deulofeu ha rilasciato delle dichiarazioni importanti sul suo futuro poco prima della gara persa dai bianconeri contro il Milan. UDINESE, DEULOFEU: "LA...