spot_img
HomeSerieAJuventusJuve, Giuntoli: "Obiettivo tornare in Champions. Su Lukaku..."

Juve, Giuntoli: “Obiettivo tornare in Champions. Su Lukaku…”

-

JUVE GIUNTOLI – Intervistato da La RepubblicaCristiano Giuntoli ha parlato di questi primi mesi da nuovo direttore sportivo della Juventus.

Qui alcune delle sue dichiarazioni: “Allegri? Prima che arrivassi dicevano e scrivevano che il nostro rapporto era complicato, ma non è così. Allegri è la punta di diamante del club, un grande riferimento in questa delicata fase di passaggio. Lui è partito dall’Aglianese, proprio la squadra del mio paese, pensa il destino, ed è arrivato due volte in finale di Champions. Siamo noi che dobbiamo portare la Juve al suo livello. L’allenatore è il mestiere più difficile del mondo, è un uomo solo, con tutto il peso sulle spalle. Io ho sempre protetto i miei tecnici: cerco di capire come ragionano per potermi confrontare con loro e aiutarli. Sono un dirigente che aiuta l’allenatore“.

JUVE GIUNTOLI – Prosegue: “Ragioniamo sulla media distanza, ma porre un termine significa anche creare un limite, e i limiti sono per i mediocri. C’è un programma preciso condiviso dall’ad Scanavino, da Allegri, da me e da Manna: tornare in Champions. Ci serve anche per avere una vetrina in cui far crescere i nostri giovani, perché devono potersi confrontare con i più bravi in Europa. Per il nostro obiettivo dichiarato le rivali sono Atalanta, Fiorentina, Lazio, Roma. Poi ci sono Napoli, Milan e Inter che sono avanti rispetto a noi, perché il loro progetto è partito molto prima“.

Poi: “Lukaku? C’era l’offerta del Chelsea per Vlahovic. Noi non volevamo cedere Dusan, ma davanti a certi numeri avremmo accettato. Il Chelsea non è mai arrivato a quella cifra e lo scambio non si è fatto“.

Infine: “Berardi? È un calciatore bravo e capace ma ora, ripeto, vogliamo capire quanto valiamo noi. La squadra è molto diversa da un anno fa. Ha un deficit di esperienza ma un ritmo più intenso. Allegri e lo staff volevano già proporre qualcosa di nuovo. Ora con l’abbassamento dell’età media è una necessità: corri di più, aumenta la voglia di fare, ma non puoi più lucrare sulla malizia. Il mister è il primo ad averlo capito“.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Must Read

UFFICIALE Falcao riparte dai Millionarios

0
UFFICIALE FALCAO MILLIONARIOS - All'età di 38 anni, Radamel Falcao lascia l'Europa e torna in patria: dal prossimo 1 luglio vestirà la maglia dei colombiani dei Millionarios...